La diciannovesima tappa del Giro d’Italia 2019, che prevedeva 151 km con partenza da Treviso e arrivo in quel di San Martino di Castrozza, è stata vinta da Esteban Chaves della Mitchelton-Scott. Il colombiano ha staccato i compagni di fuga a 3km dal taguardo, andando a vincere. Dietro nessuno scossone alla classifica generale, nonostate un timido tentativo di allungo negli ultimi 800 metri di Roglic, non andato a buon fine.

Inizio tappa e fuga di giornata

In avvio di tappa parte la classica fuga di giornata e a metterla in atto sono undici corridori: Bidard (AG2R La Mondiale), Vendrame (Androni Sidermec), Boaro (Astana), Senni (Bardiani-CSF), Antunes (CCC), Serry (Deceuninck-Quick Step), Le Gac (Groupama-FDJ), Chaves (Mitchelton-Scott), Canola e Santaromita (Nappo-Vini Fantini), Marco Marcato (UAE Team Emirates) e per ultimo Carboni (Bardiani-CSF). Dietro la Movistar mantiene un ritmo piuttosto compassato e il distacco dalla testa della corsa arriva a 7’30”.

L’azione dei battistrada prosegue di comune accordo sulle rampe del Passo di San Boldo, non cambiando il loro vantaggio rispetto al gruppo. Anzi, entrando negli ultimi 40 km, il vantaggio dei battistrada sale a 9’10”, mentre molto rilassata l’andatura del gruppo guidato ancora dalla Movistar.

L’ascesa verso San Martino di Castrozza

Tutta l’attesa è per l’ascesa finale verso l’arrivo di San Martino di Castrozza, tuttavia la tappa viene movimentata da Manuele Boaro. Il corridore dell’Astana rompe gli indugi nel gruppo di testa scattando poco prima del GPM di Lamon, cercando di avvantaggiarsi anche sulla discesa molto tecnica che porta all’attacco della salita finale. L’allungo di Boaro viene neutralizzato, ad approfittarne è Canola che allunga e ai meno 10km porta a 20″ il suo vantaggio sui primi inseguitori.

Per Vendrame c’è un problema alla catena, con Chaves, Serry e Bidard a comandare la corsa. Ma è Esteban Chaves a dare la stoccata finale ai 2800 metri dall’arrivo, rendendosi inavvicinabile dagli altri. Nel gruppo dei big prova un allungo Miguel Angel Lopez (+0.5’44” dal leader), con Landa a tenere sotto controllo l’andatura. Il gruppo maglia rosa a 6’27”.

ORDINE DI ARRIVO (top ten): Chaves, Vendrame, Antunes, Carboni, Serry, Bidard, Canola, Boaro, Senni e Le Gac.

La classifica generale dopo la 19a tappa

  CorridoreTeamTempoDistacco
1CARAPAZ RichardMOVISTAR TEAM83h 52’ 22” 0’ 00”
2NIBALI VincenzoBAHRAIN – MERIDA83h 54’ 16” 01’ 54”
3ROGLIC PrimozTEAM JUMBO – VISMA83h 54’ 38” 02’ 16”
4LANDA MEANA MikelMOVISTAR TEAM83h 55’ 25” 03’ 03”
5MOLLEMA BaukeTREK – SEGAFREDO83h 57’ 29” 05’ 07”
6LOPEZ Miguel AngelASTANA PRO TEAM83h 57’ 55” 05’ 33”
7MAJKA RafalBORA – HANSGROHE83h 59’ 10” 06’ 48”
8YATES Simon PhilipMITCHELTON – SCOTT83h 59’ 39” 07’ 17”
9SIVAKOV PavelTEAM INEOS84h 0’ 49” 08’ 27”
10FORMOLO DavideBORA – HANSGROHE84h 02’ 28” 10’ 06”
11POLANC JanUAE TEAM EMIRATES84h 02’ 49” 10’ 27”
12ZAKARIN IlnurTEAM KATUSHA ALPECIN84h 02’ 58” 10’ 36”
13CARTHY Hugh JohnEF EDUCATION FIRST84h 07’ 13” 14’ 51”
14DOMBROWSKI Joseph LloydEF EDUCATION FIRST84h 09’ 13” 16’ 51”
15MADOUAS ValentinGROUPAMA – FDJ84h 13’ 14” 20’ 52”
16MASNADA FaustoANDRONI GIOCATTOLI – SIDERMEC84h 17’ 12” 24’ 50”
17CICCONE GiulioTREK – SEGAFREDO84h 18’ 48” 26’ 26”
18DE LA PARTE VictorCCC TEAM84h 19’ 34” 27’ 12”
19NIEVE ITURRALDE MikelMITCHELTON – SCOTT84h 19’ 34” 27’ 12”
20KANGERT TanelEF EDUCATION FIRST84h 22’ 11” 29’ 49”
21POZZOVIVO DomenicoBAHRAIN – MERIDA84h 25’ 04” 32’ 42”
22DUNBAR EdwardTEAM INEOS84h 29’ 48” 37’ 26”
23CARUSO DamianoBAHRAIN – MERIDA84h 36’ 31” 44’ 09”
24ZEITS AndreyASTANA PRO TEAM84h 44’ 46” 52’ 24”
25VUILLERMOZ AlexisAG2R LA MONDIALE84h 51’ 25” 59’ 03”

PERCORSO, TAPPE E DATE GIRO D’ITALIA 2019