In questi giorni è in atto un grande dibattito sulla ripresa del campionato di Serie A, uno dei primi a fermarsi per l’emergenza relativa al Coronavirus. Ci sono società che vogliono la sospensione definitiva, su tutti il Brescia, che si è esposto attraverso le parole del patron, Massimo Cellino, nei giorni scorsi. Poi ci sono le società che premono per la ripresa. Oltre a Lazio e Napoli, che si sono già esposte, nelle ultime ore anche il Verona ha voluto sottolineare l’esigenza di ripartire. Oltre al lato sportivo, con i gialloblu vera rivelazione e in corsa per un piazzamento europeo, c’è da salvaguardare anche il lato economico dell’intero sistema.

Il Verona si schiera

esultanza fine gara Verona

Il Verona ha deciso di esporsi in queste ultime ore. Il club gialloblu. infatti, preme per la ripresa del campionato. I gialloblu sono una delle rivelazioni di questa stagione. Partiti con l’obiettivo salvezza, essendo neopromossi, hanno sovvertito tutti i pronostici arrivando a contendersi un piazzamento europeo con club sicuramente più attrezzati come Napoli e Milan. Alla sosta forzata sono arrivati all’ottavo posto con 35 punti, a meno uno dai rossoneri e meno quattro dagli azzurri ma con una partita da recuperare. Scaligeri che si sono schierati per la ripresa anche per un fattore economico. Se è vero che non tornare in campo porterebbe alla decurtazione degli stipendi, è anche vero che questo porterebbe a dei problemi per quanto riguarda i diritti tv.

Le parole del presidente

Ai microfoni de La Gazzetta dello Sport il presidente del Verona, Maurizio Setti, ha spiegato il motivo per cui sia giusto ripartire:

“Consapevoli e rispettosi delle assolute priorità del momento che stiamo vivendo, noi siamo per la ripresa del campionato, quando ci saranno le condizioni di sicurezza perché ciò possa avvenire. In questo momento può risultare prematuro e poco rispettoso toccare temi che non siano unicamente quello della salute, anche a fronte dell’immane sforzo di medici e operatori sanitari che stanno lavorando in condizioni davvero difficili. Il mio club e io dobbiamo anche trovare la forza di iniziare a pensare responsabilmente a come contribuire alla ripresa economica del Paese. Il calcio italiano è una delle principali industrie del nostro Paese e dà lavoro a centinaia di migliaia di persone. Il calcio è anche lo sport per eccellenza in Italia e ha un grandissimo impatto e valore a livello sociale”.

Le ultime notizie sul Verona