La Uefa deve fare i conti con l’emergenza relativa al Coronavirus. La Pandemia ha messo in ginocchio al mondo intero portando alla sospensione di tutti i campionati. Per ultimo, poi, sono state sospese anche le competizioni europee. Tutto è bloccato fino a data da destinarsi. In Italia, però, ci sono stati i primi segnali di miglioramento. I club stanno valutando se ci saranno le condizioni per la ripresa degli allenamenti, che al momento sembra fissata per il 4 aprile. Qualora ciò fosse possibile, non è escluso che il campionato possa ripartire tra inizio e metà maggio.

La Uefa rinvia le finali

La Uefa ha comunicato ufficialmente il rinvio delle finali di Champions League maschile e femminile e di Europa League. Una cosa inevitabile alla luce della sospensione di tutte le competizioni europee a causa dell’emergenza relativa al Coronavirus. Quando si ripartirà bisognerà concludere gli ottavi di finale di Champions e giocare gli ottavi di Europa League. Calendario troppo folto, che potrebbe portare ad una decisione inedita. Non è escluso, infatti, che dai quarti di finale in poi si possa giocare in gara unica. Una soluzione, comunque, tutt’altro che semplice visto che bisognerebbe poi capire dove giocare in base a quale criteri si deciderà lo stadio in cui disputare le gare.

Uefa su rinvio Champions e Europa League

Il comunicato della Uefa

Ceferin, presidente UEFA

Questo il comunicato diramato dalla Uefa nella giornata di oggi:

“A seguito della crisi COVID-19 in Europa, la UEFA ha formalmente preso la decisione di posticipare le seguenti partite, originariamente previste per maggio 2020:

  • Finale Champions League femminile (inizialmente prevista per il 24 maggio a Vienna);
  • Finale Europa League (inizialmente prevista per il 27 maggio a Danzica);
  • Finale Champions League (inizialmente prevista per il 30 maggio a Istanbul).

“Nessuna decisione è stata ancora presa per quanto riguarda le nuove date. Il gruppo di lavoro, istituito la scorsa settimana a seguito della teleconferenza tra le parti interessate del calcio europeo, presieduto dal presidente UEFA, Aleksander Čeferin, analizzerà le opzioni disponibili. Il gruppo ha già iniziato l’esame del calendario. Gli annunci saranno fatti a tempo debito”.