Il campionato del Torino non è cominciato nel miglior modo possibile. I granata sono stati sconfitti all’esordio, nella prima giornata, dalla Fiorentina al Franchi di Firenze per 1-0, con gol vittoria messo a segno da Gaetano Castrovilli. Il club è ancora al lavoro sul mercato per regalare al proprio allenatore, Marco Giampaolo, i rinforzi richiesti. Intanto, però, bisogna fare i conti con un caso di Coronavirus, comunicato poco fa dal club. Il giocatore, comunque, non era nella lista dei convocati per la trasferta di Firenze e questa notizia ha fatto tirare un sospiro di sollievo al club di Rocco Commisso.

Torino, il comunicato sul tesserato positivo al Coronavirus

Giampaolo, allenatore Torino

Questo il comunicato diramato dal Torino sul giocatore trovato positivo al Coronavirus in queste ore. Il tesserato non era a Firenze ed è asintomatico e ora si trova in isolamento domiciliare fiduciario:

“Il Torino Football Club comunica che in seguito ai tamponi di routine – svolti come da protocollo anti-Covid richiesto dalla Figc – è stato riscontrato un caso di positività in un calciatore della prima squadra che non rientrava nella lista dei convocati per la partita di sabato scorso a Firenze. Il tesserato in questione, asintomatico, è già in isolamento fiduciario sotto la supervisione dello staff medico granata: il Torino FC seguirà tutto l’iter previsto dal Protocollo”.

Le parole di Cairo

Il patron del Torino, Urbano Cairo, a margine della presentazione del Festival dello Sport, ha così commentato la notizia del tesserato positivo al Coronavirus:

“E’ una situazione particolare, dobbiamo adattarci e speriamo non ci siano ulteriori positività. Purtroppo sono cose che accadono, accadono a voi e accadono agli altri. Ovviamente devono esserci delle regole precise, bisogna decidere quali partite si possono o non si possono giocare a seconda di quanti sono i positivi di una squadra, altrimenti rischiamo di essere in balia di questo evento eccezionale. Ma ci vuole in generale comprensione e disponibilità, oltre che una calma interiore forte sperando poi di superarla grazie al vaccino o a tutto quello che va fatto”.

Su Giampaolo e l’esordio di Firenze: “C’è molta fiducia in lui, molta positività. Giampaolo ha tutto il tempo dinanzi a sé per insegnare il suo calcio. Sta facendo le cose in un modo nuovo, i giocatore lo apprezzano ma è chiaro che ci vuole in po’ di tempo. Dobbiamo andare avanti a testa alta, col sorriso e con positività”.

Le ultime notizie sul Torino