L’emergenza relativa al Cornavirus ha messo in ginocchio il mondo intero. Inevitabilmente, a risentirne è stato anche il calcio, con tutti i campionati fermi e nell’indecisione su quando e se ripartire. La prima a fermarsi, tra i maggiori campionati, è stata la Serie A. Ora le parti stanno discutendo sull’eventuale ritorno in campo. Una questione legata anche al numero di contagi, che negli ultimi giorni è calato drasticamente rispetto alle scorse settimane.

Serie A, l’AIC vuole tornare a giocare

Sembra difficile pensare ad una ripresa del campionato di Serie A per inizio maggio, rispetto a quanto si era ipotizzato inizialmente. I divieti, infatti, per competizioni e allenamenti dovrebbero essere estesi fino almeno a metà aprile. L’obiettivo, dunque, potrebbe essere quello di ritornare in campo definitivo entro fine maggio. In questi giorni si è discusso anche dell’eventualità di sospendere definitivamente il campionato. Ipotesi che non sembra piacere all’AIC. A confermarlo è stato il vice presidente, Umberto Calcagno, intervistato ai microfoni di Tuttomercatoweb:

“Stiamo studiando tutte le norme, facendo tutti i passaggi per poter tornare in campo. Se ci sarà anche una minima possibilità, la volontà dei calciatori è chiara e lo dico espressamente. Vogliamo giocare. Certo, la salute e la sicurezza di tutti, nessuno escluso, al primo posto ed è quasi ridondante sottolinearlo. È ovvio, scontato, ed è la base di qualsiasi ragionamento”.

Le soluzioni

Il vice presidente dell’AIC ha sottolineato come non ci siano problemi nello sforare le date per terminare la Serie A e non solo:

“La riunione con la Lega è slittata ma ci siamo riuniti con tutte le nostre componenti, coi rappresentanti di A, B, C. Non solo. Siamo ai tavoli con la FIFA tramite FIFPRO, lavoriamo tutti insieme per farcela, per trovare una soluzione, anche sforando il calendario della stagione in corso. Giocare ad agosto? Non vedo l’ora di potermene interessare direttamente, vorrà dire che saremo usciti dalla crisi. Se l’unico problema sarà arrivare in là con la stagione, lo risolveremo. Troveremo il modo, siamo uomini di sport, di campo, non vediamo l’ora di giocare e più di altri pensiamo a quello come obiettivo. Tutti devono fare la loro parte in questo momento, in ogni ambito. Però voglio sgombrare il campo da equivoci. La volontà dei calciatori, se ce ne sarà la possibilità, è quella di terminare la stagione”.

Le ultime notizie sulla Serie A