Prima uscita a due facce per l’Inter di Simone Inzaghi nell’amichevole disputata questa sera contro il Lugano. La gara è stata vinta dai nerazzurri ai calci di rigore dopo il 2-2 nei tempi regolamentari. La squadra non era partita benissimo andando anche sotto di due gol nella prima mezzora, poi è arrivata la rimonta con i gol di D’Ambrosio al 38′ e quello del giovane talento, Martìn Satriano.

Inter, promossa la reazione

L’Inter ha dimostrato di essere una squadra di carattere nella sua prima uscita stagionale contro il Lugano. I nerazzurri hanno vinto 4-3 ai calci di rigore grazie ad un super Radu, che para due penalty. Bene anche Satriano, autore del secondo gol, e Dimarco, molto propositivo anche in fase offensiva, pur giocando da terzo di difesa. Male Dalbert, Nainggolan e Gagliardini, con i primi due che sono sempre più vicini al Cagliari. Il tecnico nerazzurro, Simone Inzaghi, ha commentato così la prestazione di questa sera, promuovendo la reazione:

“Siamo stati molto seri. Eravamo andati sotto di due gol, sono molto contento della reazione. Il 22 agosto ci faremo trovare nelle migliori condizioni. Speriamo di festeggiare lo scudetto con i nostri tifosi in tribuna”.

Le parole di Marotta

L’amministratore delegato dell’Inter, Giuseppe Marotta, prima dell’amichevole ha rilasciato dichiarazioni importanti sul mercato ai microfoni di Sky Sport:

Gli obiettivi: “Gli obiettivi sono quelli di sempre, innanzitutto onorare la maglia nei campionati e tornei in cui partecipiamo. l’Inter ha palmares pieno di successi. dobbiamo onorare poi lo scudetto: sarà un campionato importante”.

Il mercato e il gruppo: “La stagione è iniziata con la momentanea defezione di chi ha partecipato all’Europeo. La formazione sarà rimaneggiata, spazio a giovani e a chi sarà trasferito nelle prossime settimane. Abbiamo confermato la squadra migliore d’Italia a parte l’addio di Hakimi, è un dato oggettivo. L’intenzione è ripartire con questo gruppo che ci ha dato tante soddisfazioni e merita di essere annoverato come una grande squadra”.

Le voci su Bellerin: “Bellerin è un nome che si fa da parte nostra e che ha la nostra attenzione. Ma non è un nostro giocatore quindi non vado oltre, è giusto e rispettoso che sia così”.

L’interesse per Nandez: “Ai grandi club vengono abbinati tantissimi giocatori in questa fase di mercato. E questi nomi non sempre hanno riscontri concreti. Nandez è un giocatore del Cagliari e di tutto rispetto; non abbiamo avviato una trattativa con i rossoblù. Stiamo valutando i passi da compiere ma non ne vedo una all’orizzonte una trattativa in entrata rapida e veloce”.

Le qualità di Dimarco: “Dimarco rappresenta presente e futuro dell’Inter. Lo osserva Inzaghi: potrebbe essere una realtà piacevole del presente, della stagione. Ma chi indossa la maglia dell’Inter, tutti al di là dell’onore, devono dare sempre una risposta importante. Sicuramente indossarla è un motivo di grande orgoglio per chiunque”.

Le ultime notizie sull’Inter