L’Inter chiude il suo primo colpo di mercato, non facendosi trovare impreparata dopo quanto successo a Christian Eriksen. I nerazzurri, con la speranza e l’augurio di rivedere presto il danese in campo, hanno chiuso l’acquisto di Hakan Calhanoglu. Il turco non va ad impattare sul bilancio visto che arriva a parametro zero, dopo essere andato in scadenza di contratto con il Milan. Un vero e proprio scippo ai cugini rossoneri che, dunque, dopo Gigio Donnarumma, perdono un altro elemento fondamentale a costo zero.

Inter, i dettagli e le cifre dell’affare Calhanoglu

L’Inter ha ufficializzato poco fa l’arrivo di Hakan Calhanoglu. Il turco ha firmato con i nerazzurri un contratto triennale, fino a giugno 2024, con opzione per il quarto anno a 5 milioni di euro a stagione più bonus. C’è qualche perplessità sul numero di maglia, ma il fantasista potrebbe prendere il numero 11 o il numero 21, visto che il 10 ce l’ha Lautaro Martinez. Questo il comunicato ufficiale diramato dal club meneghino:

“FC Internazionale Milano comunica l’arrivo in nerazzurro di Hakan Çalhanoğlu: il centrocampista classe 1994 ha firmato un contratto con il Club fino al 30 giugno 2024. #WelcomeHakan”.

Le prime parole di Calhanoglu

Il nuovo acquisto dell’Inter, Hakan Calhanoglu, ha rilasciato le sue prime parole da nerazzurro a Inter Tv:

“Essere nella squadra campione d’Italia è una grande cosa, l’Inter è una grande squadra e un grande club con una bella atmosfera e grandi tifosi: sono molto contento e felice. Devo aspettare venti giorni, ora vado in vacanza: ho grandi sensazioni, vogliamo vincere lo scudetto anche quest’anno. Il primo anno in Italia è stato difficile per me, non parlavo la lingua e non conoscevo la gente: ho imparato tanto, ho conosciuto amici”.

Il dialogo con Inzaghi: “Ci ho già parlato, conosco il suo sistema: mi piace molto, ho sentito molte cose belle. Ha grandi obiettivi, anche io voglio vincere qualcosa in Italia”.

Punizioni e occasioni create: “Il segreto è lavorare e allenarsi, è 50/50: c’è talento e anche lavoro. Bisogna allenarsi, spero di fare tanti gol così. Per me è meglio fare assist, a me piace fare più quelli che i gol: io non sono egoista, l’importante è che vinca la squadra”.

L’obiettivo personale: “Spero che per tutti sia quello di fare un campionato senza infortuni e poi vincere ancora il campionato e fare grandi cose in Champions. Saluto tutti i tifosi interisti, sono molto felice di essere qui: spero di vederci preso a San Siro, forza Inter”.

Le ultime notizie sull’Inter