Vigilia di campionato per l’Inter, che domani affronterà la Sampdoria nel posticipo della venticinquesima giornata di Serie A, la sesta del girone di ritorno. Nerazzurri in cerca di riscatto dopo la sconfitta subita settimana scorsa contro la Lazio. Un ko che ha fatto perdere il primato e portato la squadra di Antonio Conte a tre punti dalla Juventus capolista e a due lunghezze proprio dai biancocelesti. Nella gara di andata prova importante del club meneghino, che ha espugnato Marassi per 3-1 nonostante abbia giocato quasi tutto il secondo tempo in dieci uomini.

Dove vedere Inter-Ludogorets

Inter, la conferenza stampa di Conte

Antonio Conte, Inter

Il tecnico dell’Inter, Antonio Conte, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match di campionato contro la Sampdoria allo stadio Meazza. Questi tutti i temi trattati:

Le qualità della Samp: “La difficoltà è che affrontiamo una squadra in salute, nonostante l’ultima sconfitta. Una squadra viva, con un allenatore di grande esperienza come Claudio Ranieri e in rosa giocatori di buona qualità. Gente di esperienza come Fabio Quagliarella che sorprende di anno in anno per la qualità del giocatore e lo spessore umano. Dovremo fare grande attenzione per ottenere i tre punti”.

Preparazione: “Giocando giovedì sera è difficile perché hai solamente un giorno, oggi, per preparare la partita. Per cambiare totalmente strategia e situazioni offensive non c’ tantissimo tempo, ma dobbiamo abituarci. Sul discorso dell’intensità, penso che siamo preparati, tanto volte dipende anche dall’avversario. Ma siamo preparati per questo”.

Situazione Coronavirus: “Bisogna sempre essere equilibrati e non creare grossi allarmismi. Al tempo stesso è giusto essere attenti e non sottovalutare la situazione. In Italia c’è chi si occupa della situazione, faremo quel che ci diranno e che è giusto fare”.

Crescita costante: “Ribadisco un concetto trito e ritrito. Pensiamo a noi stessi e cerchiamo di migliorare partita per partita. Non dimentichiamo che c’è l’Atalanta che sta facendo cose egregie e ormai è una realtà del nostro calcio. Ma come ho detto e continuo a dire noi dobbiamo fare il nostro percorso fatto anche di ostacoli e cadute, come nella vita. L’importante è che abbiamo sempre la forza di guardare avanti e vedere che c’è in atto la costruzione di qualcosa, senza farci prendere da ansie particolari”.

Le voci su Lautaro, condizione fisica e schemi

esultanza gol Lautaro Martinez, Inter-Cagliari

Il tecnico dell’Inter è tornato anche sugli elogi di Leo Messi per Lautaro Martinez, che potrebbero averlo distratto in queste settimane:

“Assolutamente no perché il ragazzo è serio e concentrato. Sta facendo bene e deve continuare così. Ha margini di crescita notevoli, ha solo 22 anni e rispetto all’anno scorso è già cresciuto in maniera impressionante. E’ un ragazzo serio, si impegna e lavora. Sono contento di averlo a disposizione”.

Le condizioni di Brozovic e Bastoni: “Ieri hanno partecipato all’allenamento, oggi cercheremo di capire qual è la situazione”.

Possibile cambio tattico: “Questo non lo so, dipende dalle garanzie che possono dare i cambiamenti di sistema. In alcune partite in cui c’è più facilità c’è la possibilità di iniziare a provare qualcosa di diverso ma non dimenticare che le cose vanno provate, riprovate in fase offensiva e difensiva. Servono determinati equilibri e quindi vedremo se avremo il tempo necessario per attuare eventualmente qualche situazione nuova”.

Le ultime notizie sull’Inter