Inter, Lautaro Martinez conquista anche l’Argentina

    L'attaccante dell'Inter ha trascinato l'Argentina nella fase a gironi, permettendo all'Albiceleste di qualificarsi ai quarti di finale

    38

    L’Argentina ha strappato il pass ai quarti di finale di coppa America grazie anche e soprattutto a Lautaro Martinez. L’attaccante dell’Inter ha messo a segno il gol che ha aperto le danze nel 2-0 finale contro il Qatar. Il Toro è stato acquistato per 20 milioni di euro dal Racing Avellaneda l’estate scorsa e con la maglia nerazzurra è riuscito a ritagliarsi un ruolo importante in prima squadra. Il classe 1997 ha subito dimostrato le proprie qualità, con il club che ha creduto in lui. Cosa dimostrata anche dal fatto di aver inserito una clausola rescissoria da 111 milioni di euro nel suo contratto.

    Inter, Lautaro si prende l’Albiceleste

    Lautaro Martinez si sta prendendo l’Argentina nella sua avventura in coppa America. Incredibile la parabola del Toro, soprattutto messa a confronto con l’ex capitano dell’Inter, Mauro Icardi. I due sono grandi amici ma hanno vissuto annate ben differenti. Maurito sembrava dovesse essere il punto fermo dell’Albiceleste, mentre l’ex Racing avrebbe dovuto fare da riserva sotto la gestione Scaloni. Quanto successo in nerazzurro, a metà febbraio, ha sovvertito le gerarchie. Anche i tifosi dell’Inter sembrano avere le idee chiare, visto che ormai hanno bocciato Maurito, come testimoniato dai fischi ricevuti contro l’Empoli nell’ultima giornata di campionato.

    Le parole del padre di Lautaro Martinez

    Il padre di Lautaro Martinez, Mario, ha fatto notizia in casa Inter per l’esclusione del figlio in occasione di un match di Champions League, con una polemica scoppiata con Luciano Spalletti. Intervistato ai microfoni di Radio Super Deportivo, Mario Martinez si è così espresso sul momento del figlio:

    “È stato dimostrato che Messi, Aguero e Lautaro possono giocare insieme. E’ stato dimostrato anche che con questo schema puoi attaccare, difendere ed essere equilibrato. Tutti e tre si sono mossi sul il fronte di attacco e bloccato l’uscita degli avversari. Potessero giocare così anche con il Venezuela, sarebbe bello. Io vorrei che da qui alla fine della Copa America Lautaro si adattasse bene al gruppo e giocasse tutte le partite dall’inizio. Ma per farlo deve lavorare sodo. Il futuro? Un padre sognerebbe che venisse allenato da Pep Guardiola ad un certo punto, ma sono cose che sogna un papà”.

    Le ultime notizie sull’Inter