Prima conferenza in questa nuova stagione per il tecnico dell’Inter, Antonio Conte. Arriva alla vigilia del match di campionato che vedrà i nerazzurri impegnati in casa contro la Fiorentina. Si tratta della prima gara che il club meneghino gioca in Serie A, visto che la prima, contro il Benevento, è stata rinviata al 30 settembre dato che i nerazzurri erano impegnati in Europa League ad agosto. Tanti gli argomenti trattati dall’allenatore salentino, dagli obiettivi dello scorso anno ad alcuni singoli, su tutti Ivan Perisic e Arturo Vidal.

Inter, la conferenza stampa di Conte

Il tecnico dell’Inter, Antonio Conte, ha parlato in conferenza stampa, la prima stagionale, alla vigilia del match di campionato contro la Fiorentina. Queste le sue parole:

L’obiettivo: “Siamo state una delle ultime squadre a finire di giocare, sono molto soddisfatto dell’attitudine e della voglia che hanno dimostrato tutti i calciatori, siamo pronti ad iniziare un campionato difficile, come detto dal direttore, per tanti aspetti. Siamo sicuri di poter migliorare. La nostra ambizione deve essere quella di confermare la credibilità guadagnata lo scorso anno, in Italia e in Europa”.

Ambizioni di crescita: “I giocatori arrivati possono portare esperienza. Hakimi ha intrapreso una carriera che sarà importante, in totale accordo con il club abbiamo valutato e scelto una strategia tenendo conto di quello che ha appena detto la proprietà, di quella che è la situazione che stiamo attraverasando noi e tutti i club. Stiamo lavorando in serenità e sintonia e dobbiamo consolidare la credibilità dello scorso anno. Stiamo attuando una strategia per il bene dell’Inter”.

Clima disteso: “Io non parlerei di incomprensioni, ci sono stati dei confronti, delle visioni, anche diverse, ma come in tutte le buone famiglie è corretto che ognuno possa esprimere le sue valutazioni. Ci sono sempre stati confronti onesti e leali con chi lavora per il club, da parte mia c’è grande serenità e grande voglia di continuare a fare quello che so fare meglio, lavorare con i calciatori. Sarà una stagione difficile”.

Pronostici e percorso fatto: “Mi avere chiesto perchè ho sposato il progetto Inter. Sentivo che c’erano possibilità di lottare per vincere, avevo ragione, siamo stati protagonisti fino alla fine in tutte le competizioni. Le mie sensazioni erano giuste, poi vince una. Questo però non deve oscurare il percorso fatto. Spesso penso di essere molto duro con me stesso e mi dimentico di godermi il percorso fatto, lo scorso anno c’era da goderselo, quando intravedi la possibilità di vincere cerchi di fare di tutto, però ripeto devo imparare a godermi queste situazioni. Essere protagonisti, questo il nostro obiettivo. Si è parlato poco dello scorso anno, è stato fatto qualcosa di straordinario”.

Singoli

Conte ed Eriksen, Inter

Il tecnico dell’Inter si è soffermato molto anche su determinati singoli:

Su Eriksen: “Tutti i calciatori rappresentano un valore aggiunto, da Eriksen a Pirola. Tutti possono portare un valore aggiunto e sono molto contento di avere questo tipo di calciatori in rosa, ottimi ragazzi, sanno benissimo che ci sarà un’annata dura da affrontare e sono tutti pronti a fare il proprio contributo”.

Su Vidal: “Sta bene è arrivato in buone condizioni fisiche, tatticamente è un calciaotore che ha giocato con me ma stiamo facendo cose nuove rispetto al passato, si sta inserendo bene, è molto intelligente, ha grande mentalità può fare tutto”.

Perisic a tutta fascia: “Sono contento per Ivan perchè ha fatto una grande esperienza che lo ha portato a vincere tre trofei, è tornato con grande volontà e voglia di giocare e mettersi al servizio della squadra e sono contento di questo. Quando c’è questo entusiasmo alla fine diventa più facile per l’allenatore”.

Insistere su Kantè come con Lukaku: “Sono cambiati i tempi rispetto a Lukaku. Era un’operazione importante e siamo riusciti a convincere il presidente a prenderlo. Operazioni come quelle danno credibilità nei nostri confronti. Di mercato ha parlato già molto il direttore. Conosciamo la strategia e quello che ha detto la proprietà, siamo uniti e abbiamo sposato questo progetto. Quando si è chiari e si dice sempre la verità si trova sempre giovamento da questa situazione”.

Marotta sul mercato

In conferenza stampa era presente anche l’amministratore delegato dell’Inter, Giuseppe Marotta, che ha parlato molto di mercato:

“Il compito della società è quello di allestire al meglio la rosa tenendo fede a quelle limitazioni che esistono. Siamo in una pandemia e nel nostro settore industriale ha creato grandi problematiche e tutte le società riversano la propria attenzione verso una sostenibilità finanziaria. Tutte le società hanno minori introiti, stadi chiusi, contenziosi, e non è un caso che nessuna squadra abbia riversato investimenti onerosi sul mercato. Noi fare tutto il possibile seguendo quella politica che stiamo attuando. Cercheremo di cogliere delle opportunità ma non ci saranno grandi investimenti e grandi operazioni”.

Su Perisic e Nainggolan: “Lo scorso anno c’erano delle contingenze da rispettare e abbiamo spiegato in conferenza questa situazioni. Non ci troviamo come ci siamo trovati la scorsa stagione, abbiamo una rosa numerosa che deve subire le logiche del mercato dove un calciatore chiede di esser trasferito, ad oggi queste situazioni non trovano risposta”.

Le ultime notizie sull’Inter