La Fiorentina si prepara all’esordio in campionato. I viola, infatti, apriranno il campionato di Serie A con l’anticipo di scena al Franchi di Firenze, alle ore 18, contro il Torino. Il club ha deciso di confermare Beppe Iachini alla guida, rinforzando notevolmente la rosa a centrocampo. Una vera e propria rivoluzione del reparto, con gli arrivi di Bonaventura e Borja Valero a parametro zero e quello di Amrabat, definito già a gennaio scorso, dal Verona. Quest’ultimo, però, non prenderà parte alla gara contro i granata per squalifica.

Fiorentina, arriva Commisso

Il patron della Fiorentina, Rocco Commisso, è tornato in Italia dopo ben sette mesi di assenza, a causa dell’emergenza relativa al Coronavirus. Queste le sue parole, rilasciate ai microfoni dei cronisti all’uscito di un noto albergo della città:

“Voglio seguire le regole, è da sette mesi che non sono in Italia e che non vado al ristorante: sono rimasto chiuso in casa per mesi, e negli ultimi tre sono stato in ufficio a Mediacom. Mi devo riguardare, perché ognuno di noi ha la responsabilità di tornare a casa sano”.

Cosa c’è in programma: “La squadra, il mercato, il Centro Sportivo. Voglio abbracciare tutti. La questione stadio, le leggi. Con questo emendamento direi che è stata fatta una bella cosa, voglio ringraziare i legali della Fiorentina per il lavoro fatto: cerchiamo di aiutare il calcio italiano”.

Lottare per l’Europa: “Io ci spero. Iachini ha fatto una media da 58 punti, non sarebbe lontano dall’Europa, ma non voglio dire che se non ci arriviamo sia un fallimento. Intanto voglio stare a sinistra, poi proveremo ad arrivare più in alto possibile. Credo non ci sia nessuno che vuole vincere più di me”.

Il rapporto con Iachini: “Nella scorsa stagione sono stati cambiati undici allenatori, oggi siamo più preparati di ieri. La squadra è quasi fatta, ora dobbiamo capire se ci sono opportunità per renderla più forte, ma non vi aspettate che si spendano soldi. Il sistema è cambiato”.

Questione mercato

gol Borja Valero, Fiorentina-Inter

Il patron della Fiorentina ha parlato anche di mercato:

“Leggo troppe fake news, anche oggi. Condivido quanto ha detto Pradè: abbiamo una squadra già fatta, poi se avremo l’opportunità faremo qualcosa, ma ci sono ancora venti giorni. Ho fatto un’analisi, e nessuno scrive che c’è stata una rivoluzione della squadra rispetto agli ultimi due anni. Abbiamo l’80% di giocatori nuovi. Sia anno scorso che a gennaio abbiamo fatto investimenti”.

I nuovi arrivati: “Borja Valero ancora non l’ho visto, Bonaventura invece ha bisogno di più preparazione fisica. Amrabat mi è piaciuto, e peccato che sabato non ci sarà. Ancora però non l’ho salutato”.

Questione Chiesa: “Ieri sera, prima di partire, ho letto altre fake news su contratti da fare e da rifare con Milenkovic, Pezzella e Chiesa: lasciatemi parlare con Pradè. Ora parlerò anche coi ragazzi e vedremo cosa succede: l’intenzione è fare una Fiorentina sempre più forte”.

Le ultime notizie sulla Fiorentina