Il colpo più importante degli ultimi giorni di mercato è stato rappresentato sicuramente dal trasferimento di Federico Chiesa dalla Fiorentina alla Juventus. L’attaccante si è trasferito in prestito biennale oneroso con diritto di riscatto che diventerà obbligo allo scattare di determinate condizioni. Operazione complessiva da oltre 50 milioni di euro che ha posto la parole fine ad un lungo tormentone. Era da oltre un anno, infatti, che il classe 1997 era accostato ai bianconeri. Il patron, Rocco Commisso, però, l’anno scorso ha bloccato tutto sul nascere sottolineando come non si sarebbe mai privato del miglior elemento in rosa a pochi mesi dal suo insediamento. Dopo un anno, però, le cose sono cambiate, con il giocatore trasferitosi a Torino.

Fiorentina, la delusione di Commisso

Paulo Dybala-Federico Chiesa Fiorentina-Juventus

Il patron della Fiorentina, Rocco Commisso, durante la presentazione del nuovo centro sportivo dei viola ha parlato del progetto della società, dello stadio e della delusione per Chiesa. Queste le sue parole:

Lotta scudetto: “Sono oltre 50 anni che a Firenze non si vince uno scudetto, perché invece a me non date neanche due anni per lavorare? Stiamo ricostruendo la squadra, facciamo le cose come devono essere fatte, con il tempo e le aspettative che io reputo giuste. A Firenze siete bravi a criticare, io invece voglio fare. Sono qui per fare, ma datemi il tempo per lavorare, dovete avere pazienza”.

Caso Chiesa: “Si, è vero, sono molto deluso. Ancora non l’ho sentito da quando se n’è andato, e credo che né io né la mia famiglia si meritava questo trattamento da parte sua”.

Questione stadio

Il patron della Fiorentina ha parlato anche del nuovo centro sportivo:

Sul centro sportivo: “La prima volta che ho incontrato il sindaco di Bagno a Ripoli è stato il 27 giugno, e da quel momento è iniziato il nostro progetto. All’inizio avevamo il progetto dei Della Valle per farlo a Campi Bisenzio, ma da quando ho visto Bagno a Ripoli ho deciso subito di venire qui. Credo sia il centro sportivo più vicino allo stadio, vista anche la distanza da Campo di Marte. La Fiorentina, con Joe Barone, lavora da oltre un anno per far procedere questo progetto. Questo progetto è completamente privato, questo vuol dire che tutti i soldi che verranno spesi in questa cosa, sono soldi della famiglia Commisso, e per me è un grande orgoglio quello di poter lasciare qualcosa di bello a Firenze. Sarà il centro sportivo più grande d’Italia, con oltre 400 persone che lavoreranno tutti i giorni. Questo è un esempio di quello che può fare Rocco, e vale la stessa cosa per lo stadio. Abbiamo parlato di due gennaio 2021 per l’inizio dei lavori, se saremo bravissimi finiremo a Natale dello stesso anno, quindi in 12 mesi.
Quello che spendo per il centro sportivo è quasi la metà di quanto la Juventus ha speso per il suo stadio”.

Le ultime notizie sulla Fiorentina