La Fiorentina è in attesa di capire se riprenderà il campionato di Serie A per cercare di scalare posizioni e allontanarsi dalle zone calde. I viola hanno deluso le aspettative visto che ci si aspettava potessero lottare per un piazzamento europeo. Ha pesato sul rendimento sicuramente il grave infortunio di Ribery, che potrebbe tornare in campo proprio alla ripresa, che potrebbe avvenire a inizio giugno. Un’arma in più per Beppe Iachini, in attesa di sapere quale sarà il futuro dei due gioielli italiani, Gaetano Castrovilli e Federico Chiesa.

La Fiorentina vuole blindare Castrovilli

Fiorentina, il futuro di Castrovilli e Chiesa

Chiesa e Pulgar, Fiorentina

La Fiorentina sta cercando di programmare anche la prossima stagione. I viola conteranno sicuramente su Gaetano Castrovilli, nonostante i tanti rumors di mercato sul possibile interesse dell’Inter. Il patron, Rocco Commisso, non ha intenzione di privarsene, visto che il giocatore ha un contratto lungo. Nonostante questo, il presidente si è detto disposto a discutere di un possibile adeguamento non appena sarà possibile. Discorso diverso per Federico Chiesa, su cui c’è l’Inter, pronta a mettere sul piatto Dalbert e Radja Nainggolan, e la Juventus. L’attaccante potrebbe lasciare Firenze ad una condizione, come ammesso dal presidente Commisso ai microfoni di Top Calcio 24, soffermandosi anche sullo stesso Castrovilli:

“Se entrambi restano? Castrovilli di sicuro, ha 4-5 anni di contratto. A Chiesa ho promesso che se arriva l’offerta giusta e lui vuole andare via ci metteremo d’accordo. Penso comunque che la situazione a Firenze sia cambiata agli occhi di Federico e non solo e mi auguro che possano giocare tutti assieme per fare un campionato migliore”.

La ripresa del campionato

Il patron della Fiorentina, Rocco Commisso, a Top Calcio 24 ha parlato anche della possibile ripresa del campionato:

“Ripartire il 4 maggio? E’ importante che il calcio riparta ma è anche importante tenere in considerazione la salute. Non bisogna rovinare l’anno prossimo. Noi siamo nel mezzo di questa posizione, occorre procedere passo dopo passo. Quel che conta è non rovinare il futuro”.

Sul possibile taglio degli stipendi: “Ne stiamo parlando ma ancora non abbiamo raggiunto un accordo. I giocatori sanno che devono fare la loro parte. Quanto andrebbero ridotti? Dipende da quanto percepiscono. Sarebbe giusto che chi guadagna di più rinunciasse a di più. Spero che ci metteremo d’accordo in modo sereno”.

Le ultime notizie sulla Fiorentina