La Lazio concede il bis e sconfigge ancora la Juventus a distanza di quindici giorni. Ma questa volta la vittoria non vale tre punti, ma bensì la quinta Supercoppa Italiana della sua storia. La finale del King Saud University Stadium di Riyadh finisce 3-1 per i biancocelesti: Luis Alberto apre le marcature, pareggio di Dybala al termine del primo tempo. Nella ripresa Lulic segna il 2-1 e nel finale ci pensa Cataldi a chiudere la sfida su calcio di punizione.

LA CRONACA DELLA PARTITA – Sul fronte formazioni ufficiali, tutto confermato nella Lazio di Inzaghi che scende in campo col 3-5-2 con Immobile e Correa in attacco, mentre Milinkovic-Savic e Luis Alberto mezzali al fianco di Leiva. Risponde Sarri con il 4-3-1-2 senza novità rispetto alla vigilia. C’è Cristiano Ronaldo a far coppia con Dybala in attacco mentre resta Dybala il trequartista.

Primo tempo, 1-1 all’intervallo

Il primo tempo inizia con un’ottima Lazio e subito pericolosa con un destro di Luis Alberto dal limite. Il pallone finisce alto ma l’intervento di Matuidi col piede a martello lo colpisce duramente. Il francese viene ammonito, ma gli estremi del cartellino rosso ci sarebbero tutti. Calvarese non viene richiamato al VAR e la Lazio s’infuria. I bianconeri sono un po’ contratti e al 17′ Lazio in vantaggio: Lulic disorienta De Sciglio e prova il traversone sul secondo palo dove trova Milinkovic-Savic, il serbo appoggia all’indietro per Luis Alberto che di piatto mette in rete.

Inzaghi, allenatore Lazio

La Juventus ci mette un po’ a reagire e il primo squillo arriva al 31′ con una punizione dal limite di Dybala che mette di poco a lato. La Lazio in contropiede però resta sempre minacciosa e al 34′ Szczęsny salva tutto sul diagonale di Correa dal limite. Quando sembra tutto scritto nella prima frazione, arriva l’1-1 della Juventus con Dybala al 45‘: Ronaldo va alla conclusione dal limite col sinistro, Strakosha respinge ma lascia la sfera lì proprio dove c’è il numero 10 argentino che deposita in rete senza nessun problema.

Secondo tempo, Lazio ancora vittoriosa

Il secondo tempo si apre senza cambi ma con una Lazio più reattiva e infatti Sarri al 55′ manda in campo Cuadrado per De Sciglio cercando di dare maggiore spinta offensiva ai suoi. I biancocelesti fanno la partita, anche se di conclusioni pericolose non ne arrivano. A metà ripresa arrivano altri cambi: Inzaghi inserisce Cataldi per Lucas Leiva e Parolo per Luis Alberto, mentre nei bianconeri Ramsey rileva uno spento Higuain.

Cuadrado-Lulic, Lazio-Juventus

Tra il 69′ e il 71′ prima Correa e poi Cristiano Ronaldo si rendono pericolosi, ma è il minuto 73 quello buono per rompere la parità e con la Lazio a tornare in vantaggio: Lazzari crossa in area, Parolo prolunga sul secondo palo dove trova Lulic, piatto destro aperto sul lato opposto e Szczesny non può arrivarci. Sarri a quel punto manda in campo Douglas Costa per Matuidi giocandosi il tutto per tutto. Ma non c’è molto da fare, visto che la Lazio al 94′ con Cataldi trova anche la punizione vincente del 3-1, con i bianconeri che terminano in dieci per l’espulsione di Bentancur. Apoteosi Lazio, delusione Juventus.

Info Serie A 2019-2020

LA CLASSIFICA DI SERIE A 2019-2020

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2019-2020