Esordio senza vittoria per l’Italia di Roberto Mancini nella Nations League 2020-2021, con gli Azzurri che pareggiano per 1-1 contro la Bosnia a Firenze. La Nazionale interrompe così la lunga striscia di vittorie consecutive, col match deciso dalle reti arrivate nel secondo tempo: vantaggio ospite con Dzeko al 58′ e pareggio con Sensi al 67′. Lunedì prossimo ad Amsterdam secondo impegno contro l’Olanda, con gli orange che hanno battuto 1-0 la Polonia.

CRONACA PARTITA – L’Italia torna nuovamente in campo dopo aver centrato la qualificazione agli Europei con un percorso ‘immacolato’ e fatto di dieci vittorie consecutive. Per continuare il filotto e iniziare al meglio la Nations League 2020-2021, Roberto Mancini manda in campo Donnarumma in porta, con Florenzi, Bonucci, Acerbi e Biraghi in difesa. Davanti a questa Sensi regista con Lorenzo Pellegrini e Barella mezz’ali, mentre nel tridente offensivo ci sono Chiesa e Insigne ai lati di Belotti. Dall’altra parte Dusan Bajevic, privo di Pjanic in quarantena, punta su Dzeko come centravanti per guidare la sua formazione, mentre Visca e Hodzic ai suoi fianchi nel 4-3-3 di partenza

Primo tempo, poche emozioni

La prima frazione di gioco all’Artemio Franchi non sarà una di quelle da ricordare. L’Italia parte facendo tanto possesso palla, cercando varchi nella munita e attenta difesa bosniaca. Dopo una fase di studio, arriva una buona chance per gli azzurri: Barella recupera e serve Insigne al limite dell’area di rigore con il dieci che pesca Chiesa, quest’ultimo si sposta la sfera sul destro e calcia trovando soltanto l’esterno della rete. La Bosnia si difende con ordine e poi cerca sempre Dzeko con lanci lunghi, col capitano degli ospiti sempre molto bravo nel difendere palla.

Dzeko-Barella, Italia-Bosnia

Al 27′ proprio dall’attaccante bosniaco parte una buona azione per gli ospiti: Dzeko lancia a sinistra Hodzic, l’ala del Ferencvaros prova subito il traversone per il taglio di Visca, mancino di prima intenzione e pallone che termina sul fondo. Nel finale di tempo la formazione di Mancini prova a scardinare la Bosnia anche con qualche conclusione da fuori, ma prima Barella e poi Acerbi non hanno fortuna. E così all’intervallo si va sul risultato bloccato a reti bianche.

Secondo tempo, finisce 1-1

Il secondo tempo invece regala tanto, a partire dalla grande occasione per la Bosnia al 53′: grande giocata di Hodzic che, dopo aver saltato Florenzi, arriva in area di rigore, da posizione defilata supera Donnarumma e calcia trovando però il palo. La reazione dell’Italia è pronta, ma ugualmente sfortunata: traversone dalla corsia destra di Federico Chiesa che vede l’inserimento di Insigne, colpo di testa dell’attaccante del Napoli che trova però il palo. La sfida si infiamma e al 58′ Bosnia in vantaggio: corner di Visca al centro dell’area, pallone spizzato di testa da Sunjic che serve l’assist per Dzeko che tutto solo a ridosso dell’area piccola non sbaglia con il mancino.

gol Dzeko, Italia-Bosnia

Dopo qualche minuto difficile, l’Italia si ridesta e al 67′ arriva l’1-1: Insigne ha spazio lungo la corsia di sinistra, converge in mezzo e mette il pallone all’ingresso dell’area di rigore per Sensi, il numero 6 in spaccata calcia, deviazione di Sunjic e pallone in rete. Gli azzurri ci credono e poco dopo Sehic salva i suoi dal destro di Florenzi. Nel frattempo Mancini effettua due cambi, inserendo al 73′ Zaniolo per Chiesa e Immobile per Belotti. Nell’ultimo quarto d’ora gli azzurri cercano di completare la rimonta, con la Bosnia tutta all’indietro. Entra anche Kean al posto di Pellegrini all’87’, ma non succede altro. Italia poco brillante e con una condizione atletica ovviamente non ottimale, lunedì si gioca in Olanda.

INFO EUROPEI 2020

CALENDARIO E DATE EUROPEI 2021