L’emergenza Coronavirus sta mettendo in ginocchio il mondo intero. Inevitabilmente ne ha pagato le conseguenze anche il calcio, visto che tutti i campionati sono stati sospesi fino a data da destinarsi. La Serie A vorrebbe ripartire con gli allenamenti a inizio aprile, ma è probabile che, come minimo, le squadre possano ritrovarsi a metà aprile. Solo in quel caso il campionato potrebbe ripartite a metà maggio. Ma sono tante le società che propendano per l’annullamento. Un campionato che vedeva l’Atalanta quarta in classifica, in piena zona Champions.

Atalanta, primo caso di Coronavirus

Una delle città italiane più colpite dall’emergenza relativa al Coronavirus è sicuramente quella di Bergamo. Nonostante questo, fino a qualche ora fa nessun giocatore dell’Atalanta era stato trovato positivo al test del Covid-19. Nelle ultime ore, infatti, il club neroblu ha comunicato come ci sia il primo caso di Coronavirus all’interno della rosa bergamasca. Si tratta del portiere in seconda, Marco Sportiello. Tutta la squadra, comunque, è in quarantena preventiva già da due settimane e questa terminerà il 27 marzo. Molto probabile che Sportiello, però, continui l’isolamento, nonostante sia asintomatico, in attesa di nuovi controlli. Il classe 1992 ha fatto il suo esordio in Champions League proprio nell’ultima gara giocata prima dello stop di campionati e competizioni europee. L’estremo difensore è stato decisivo nel successo esterno per 4-3 in casa del Valencia, con conseguente qualificazione ai quarti di finale.

Il comunicato dell’Atalanta

Questo il comunicato diramato dall’Atalanta qualche ora fa relativo alla positività di Marco Sportiello al Coronavirus:

“Con la presente si informa che le autorità sanitarie locali hanno comunicato in data odierna al Club la positività al Covid-19 del calciatore Marco Sportiello. Marco attualmente è asintomatico. La quarantena preventiva, a cui erano stati sottoposti Marco e tutti i tesserati della prima squadra, terminerà in data 27-03-2020”.

Le ultime notizie sull’Atalanta