Dichiarazioni a 360 gradi quelle rilasciate da Aurelio De Laurentiis quest’oggi, a Radio Kiss Kiss Napoli, emittente ufficiale della Società Sportiva Calcio Napoli. Il Presidente della società Partenopea, a distanza di pochi giorni del suo ultimo intervento, ha parlato infatti  della Var, di Mercato, lasciando spazio anche a quella che ormai da un paio d’anni è la suggestione dell’intero ambiente partenopeo, il ritorno di Edinson Cavani.

Ancelotti grande uomo e super allenatore

La prima parte dell’intervista è dedicata a Mister Carlo Ancelotti, su cui, ancora una volta, De Laurentis esprime la propria ammirazione : “ Ancelotti è un grande uomo ed allenatore, da lui posso aspettarmi qualsiasi cosa. Tornando in Italia, dopo tanti anni, ha scelto di rinascere ed ora sta lavorando su una squadra talentuosa, in cui crede ciecamente. E’ stato bravo a far tesoro dell’idea di calcio di Sarri, adeguandola anche al suo modo di vedere il gioco.”

De Laurentiis parla poi di un possibile mercato di gennaio. “Dobbiamo ancora vedere in campo giocatori come Meret, Younes, Ghoulam. Verdi ha giocato poco, Chiriches si è infortunato in nazionale. Abbiamo rinforzi già in casa. Possiamo fare anche calcio virtuale, visto che ora vanno di tanto di moda i campionati in questa maniera.”

Il Var dovrebbe intervenire di più, urge una soluzione

Importanti anche le dichiarazioni sul Var, argomento che tiene ormai di banco da tempo. “Ho letto le dichiarazioni di Rizzoli negli ultimi giorni, non capisco le difficoltà che possano esserci nell’applicare uno strumento tecnologico che può solo aiutare la classe arbitrale. Sarebbe giusto se fosse la Var ad invitare l’arbitro ad analizzare immagini. Bisognerebbe creare un tavolo per tutelare gli investimenti delle società, visto che siamo noi a pagare la Federcalcio. Probabilmente si potrebbe anche pensare di chiedere ai danni, nessuno l’ha mai fatto. Io sono al di sopra di ogni sospetto, ma a pensar male, in un calcio dove ci sono stati scandali come Calciopoli, si fa presto.

Cavani, perchè no?

In ultima battuta Aurelio De Laurentiis torna sul sogno Cavani: “ Mi ha fatto piacere reincontrarlo a Parigi, l’ho trascinato nello spogliatoio. Gli manca Napoli, è normale, qui era davvero un re, a Parigi non puoi vivere da protagonista. Se, con l’ok di Ancelotti, il Psg ce lo desse ad una cifra simbolica, visto che va in scadenza, e lui si accontentasse di un ingaggio di 6-7 Milioni a stagione, sarebbe una cosa fattibile.  Ormai anche lui deve capire che la filosofia vincente è quella di una squadra compsota da 24 giocatori.

C’è tempo anche per una possibile frecciata a qualche giocatore andato via per vincere uno scudetto (Higuain?, ndr): “Qualcuno ha scelto di andare via per sentirsi protagonisti solo vincendo qualcosa, che però non è arrivato qui. Uno scudetto va vinto da un’intera squadra, da una società, da tutta la città. Deve essere un successo di tutti, sarebbe davvero bello vincere. Ma nella vita si vince e si perde, ciò che conta è la dignità. E quest’ultima, sicuramente, non ci è mai mancata”.

TI POTREBBE INTERESSARE…

Scommetti sul calcio? Scopri i migliori bookmakers aams e non aams

TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI