Quarta giornata di partite in quel di Wimbedon nel quale era in programma il ritorno in campo di Roger Federer e Rafael Nadal. Il primo a giocare il proprio match sul centrale, è stato il numero 3 del mondo che affrontava il padrone di casa Jay Clarke. E per lo svizzero la partita è scivolata via senza grandi problemi, dominando subito il primo set chiuso velocemente sul 6-1. Solo nel secondo parziale il britannico Clarke ha fatto partita pari, ‘trascinando’ Federer al tiebreak, senza tuttavia riuscire a rimettere in pari la sfida. Poi l’elvetico ha brekkato subito l’avversario nel terzo set, vincendo per 6-1, 7-6, 6-2. Nel terzo turno Federer se la vedrà contro Lucas Pouille, che ha battuto 6-1, 7-6, 7-4 il connazionale Barrere.

Nadal batte Kyrgios in quattro set

Tuttavia la sfida più attesa della giornata era quella che metteva di fronte Rafael Nadal e Nick Kyrgios. Lo spagnolo parte col piede pigiato sull’acceleratore e ottiene un break che porta sino in fondo chiudendo 6-3 in 29 minuti. Però, nel secondo parziale, arriva la reazione dell’australiano che gioca molto bene portandosi sul 3-0. Nadal non molla e si riporta sotto sul 3-4, subendo tuttavia un secondo break che Kyrgios fa fruttare per il 6-3 a suo favore.

Nel terzo parziale l’equilibrio regna sovrano e si arriva all’inevitabile tiebreal. Qui Nadal alza ancora il livello di gioco e con un dritto in contropiede chiude sul 7-5 andando nuovamente avanti di un set. E anche il quarto set vola via senza break sino al 6-6. Altro tiebreak in cui Kyrgios commette un paio di gravi errori che spianano la strada a Nadal per chiudere 7-3.

Gli italiani: Berrettini avanti, Fognini in cinque

Per quanto riguarda gli italiani invece, il primo a scendere in campo è stato Fabio Fognini, impegnato nel match di secondo turno contro l’ungherese Marton Fucsovics. Nel primo set c’è grande equilibrio (un break a testa), con Fucsovics che riesce a farlo suo al tiebreak. Il ligure non si scompone e nel secondo parziale rimette le cose in parità per il 6-4 in suo favore, prima di andare due set a uno col tiebreak del terzo parziale. Nel quarto però Fognini ‘esce di scena’, consegnandosi al 6-2 di Fucsovics. Nel quinto parziale Fognini sale nuovamente in cattedra, si porta 3-0, subisce il ritorno dell’ungherese ma poi allunga nuovamente chiudendo 6-3.

Tuttavia, pur sceso in campo successivamente, Matteo Berrettini è stato invece velocissimo a chiudere a proprio favore il match contro il cipriota Marcos Baghdatis. Il tennista romando ha dominato per tutto l’arco della partita, vincendo col netto score di 6-1, 7-6, 6-3.

Negli altri match terminati per primi, successi agevoli per Sam Querrey su Rublev, per Nishikori su Norrie e per Millman su Djere. Invece cinque parziali sono serviti a Steve Johnson per avere la meglio di De Minaur, come al kazako Kukushkin per battere John Isner. Vanno avanti anche Struff ed Evans, mentre la sorpresa di giornata ha visto l’uscita di scena di Marin Cilic, col croato superato con un triplo 6-4 dal portoghese Joao Sousa.

DATE, CALENDARIO E TABELLONI WIMBLEDON 2019