Rafael Nadal chiuderà la sua stagione prima del previsto. Il tennista iberico non parteciperà alle Atp Finals (che si svolgeranno a Londra, ndr) perché dovrà sottoporsi ad un intervento alla caviglia.

Non è il primo stop in questo periodo per lo spagnolo, che nelle ultime settimane ha sofferto per problemi fisici al ginocchio e ai muscoli addominali. A Londra non ci sarà, dunque Djokovic chiuderà il ranking ATP al primo posto, grazie al secondo posto ottenuto a Parigi.

RAFAEL NADAL, L’ANNUNCIO ATTRAVERSO I SOCIAL

Vi scrivo queste parole come fine della stagione. È stato un anno complicato, molto buono a livello tennistico quando sono riuscito a giocare e molto brutto per gli infortuni. Ho fatto di tutto per arrivare a fine stagione in buone condizioni, sia a Parigi che a Londra, facendo le cose bene e mi andava molto di giocare. Purtroppo ho avuto il problema dell’addome a Parigi la scorsa settimana e, inoltre, ho un frammento nell’articolazione della caviglia che deve essere rimosso in sala operatoria oggi“. Sono queste le parole postate sul suo account ufficiale. Un’operazione delicata, visti anche i tempi di recupero.

Il tweet di Nadal

Lo stesso Nadal, con dei tweet successivi, ha spiegato il motivo di questo intervento. Il frammento era stato individuato già da diverso tempo. Ma siccome il dolore all’addome lo tiene comunque fuori dal campo: proprio per questo motivo Nadal ha deciso di iniziare l’intervento. Occasionalmente il fastidio si riproponeva, dunque è bene intervenire subito. “Spero di essere competitivo in vista della prossima stagione”: con queste parole il tennista spagnolo ha chiuso sul suo account Twitter.

Nei prossimi giorni capiremo l’esito dell’operazione, ma soprattutto i tempi di recupero. Un periodo di stop forzato per far si che l’intervento possa essere riassorbito nella maniera corretta. Poi si ricomincia, una nuova stagione è alle porte. Anche perché c’è un primo posto nel ranking ATP da raggiungere.

TI POTREBBE INTERESSARE…

Scommetti sul tennis? Scopri i migliori bookmakers aams e non aams

ROLAND GARROS, LA FINALE 2018