Nella seconda semifinale del Roland Garros 2019, in programma sul Philippe Chatrier, erano di scena il numero uno del mondo, Novak Djokovic, e Dominic Thiem, attualmente al 4° posto del ranking. Una sfida è sospesa per pioggia sul punteggio di 6-2, 3-6, 3-1 per Thiem, nel pomeriggio di venerdì, con anche un forte vento a dare fastidio. Il match è dunque stato ripreso, questa mattina, sabato 8 giugno e precisamente alle ore 12:00. E nella prosecuzione è stato Thiem a mantenere i nervi più saldi, vincendo per 7-5 al quinto set.

Djokovic ko contro Thiem (2-6, 6-3, 5-7, 7-5, 5-7)

Si ripartiva dal 3-1 Thiem nel terzo set e con un Djokovic dunque chiamato a rientrare subito nel parziale per non ritrovarsi a dover inseguire. Il serbo infatti ottiene il contro break e si porta dall’1-4 al 4-4. L’austriaco è però sempre sul pezzo e mette spesso sotto pressione il numero uno del mondo. Tanto che questo spesso viene a rete per provare a variare il gioco, ma venendo punito proprio con un passante su un serve & volley sul quarto set point del dodicesimo game. Dunque 7-5 Thiem e situazione in salita per Nole.

Nel quarto parziale però, Djokovic gioca in maniera meno ‘fallosa’ e più sicura. Tuttavia c’è un Thiem sempre pronto a reagire, anche se gli errori non mancano. Questi portano tre break di fila dall’1-1, con Djokovic però a confermare l’allungo nel sesto gioco portandosi sul 4-2. Ma come già successo nella giornata di venerdì, chi gioca controvento e alla destra del giudice di sedia, va in difficoltà. Nell’alternanza di campo, la spunta comunque Djokovic andando sul 7-5.

Quindi tutto è rinviato al quinto set e qui Djokovic commette alcuni errori davvero inusuali, compreso quello sull’1-1 30-40 graziando Thiem. L’austriaco ne approfitta per tenere la battuta di servizio, controvento, e andando 2-1. Un game che cambia tutto, perché il serbo torna ad innervosirsi e subisce successivamente il break, andando sotto 4-1. Sul 40-40 del quinto game, arriva un’altra sospensione per pioggia, poco prima che Djokovic annulli la palla dell’1-5.

Si riprende dopo più di un’ora, ma Djokovic tira fuori ha gli ‘occhi della tigre’, salva una seconda palla break, va sul 2-4 e poi mette sotto assedio Thiem, ottenendo il contro break con un totale di tre discese a rete. Ma il tennis, secondo qualcuno lo ha inventato il diavolo e allora succede di tutto. Djokovic perde il servizio da 3-0, Thiem sul 5-3 va 40-15 con due match point e una finale quasi in tasca, ma quasi. Perché l’austriaco non ne mette più una in campo, quattro errori di fila per l’incredibile 4-5. Insomma il sebo si salva e va 5-5. Dura tutto poco però, Djokovic va di nuovo in difficoltà e questa volta al terzo match point Thiem chiude con un dritto vincente per il 7-5.

Federer non può nulla, Nadal è in finale

Il Roland Garros 2019 metteva di fronte, nella prima semifinale del tabellone maschile, uno dei grandi classici del tennis mondiale degli ultimi quindici anni. Da una parte Roger Federer e dall’altra Rafael Nadal, un match già visto ben 38 volte prima d’oggi. E come da pronostico, lo spagnolo ha fatto sua la partita, dimostrandosi nettamente superiore nel suo ‘regno’ e mettendo ko lo svizzero col punteggio di 6-3, 6-4, 6-2.

La partita inizia con una palla break per Federer che Nadal salva col servizio. Lo spagnolo si ‘salva’ e nel game successivo si porta sul 2-0 sfruttando anche un paio di errori dello svizzero e un vento che spira forte. Specie nel primo set chi gioca alla destra del giudice di sedia ha grandi difficoltà al servizio e non solo. Ma Nadal riesce a domare la situazione e si porta sul 6-3.

Nel secondo set è invece Federer a partire forte e andare sul 2-0. Ma lo svizzero non sfrutta a dovere questo vantaggio, ‘respinto’ da un Nadal che mette a segno alcuni punti da stropicciarsi gli occhi. L’elvetico ha la palla del 3-0, ma non sfruttandola. Sul 4-4 poi si decide set e l’intera contesa di fatto. Infatti Federer va sul 40-0, ma non riesce a chiudere il game. Nadal non molla un punto e ottiene il break per il 5-4, chiudendo poi 6-4.

Un duro colpo per le speranze di vittoria di Federer, minato nelle sue convinzioni e in campo con poca fiducia. Il terzo set vede infatti Nadal andare subito avanti di un break nel terzo game, anche con un nastro ‘amico’ e Federer sfoga la sua frustrazione, scaraventando una pallina fuori dallo Chatrier. Nadal vola sul 4-1 con un altro paio di punti clamorosi, nonostante un Federer in ‘lotta’. Il numero 2 del mondo ormai vola via e chiude senza problemi per 6-2, andando ora a caccia dell’affermazione numero 12 della sua carriera al Roland Garros.

DATE, CALENDARIO E TABELLONI ROLAND GARROS 2019