La sesta giornata di partite in quel di Wimbedon ha fatto scoprire chi sono i restanti otto giocatori qualificati per gli ottavi di finale che si giocheranno lunedì prossimo, 8 luglio (dopo i primi match giocati venerdì). Grande interesse c’era per i nostri colori con in campo sia Fabio Fognini che Matteo Berrettini, col ligure primo a giocare contro l’americano Sandgren e il romando a sfidare l’argentino Schwartzman.

Fognini ko con Sandgren, Berrettini super contro Schwartzman

Fabio Fognini è stato dunque sconfitto in soli tre parziali da Tennys Sandgren. L’azzurro partiva abbastanza favorito in questo match, ma sin dal primo parziale si è capito che non sarebbe stato facile uscirne indenni. Come fatto per Fabbiano, anche per Fognini hanno pesato parecchio i due match lottati e vinti al quinto set contro Tiafoe prima e Fucsovics poi. Un Sandgren che si è portato avanti 6-3, ma a decidere la sfida è stato il tiebreak del secondo parziale, durato quasi venti minuti e vinto per 14-12, con Fognini che ha avuto anche ben quattro set point. Nel terzo set invece altro 6-3 con l’italiano abbastanza sfiduciato.

Il secondo azzurro sceso in campo è stato Matteo Berrettini….. Il primo parziale viene vinto da Schwartzman al tiebreak 7-5, con più di un rammarico visto che il romano sul 6-5 ha servito per chiudere il parziale, ma perdendo il servizio a 15. Nel secondo set Berrettini riesce a risalire la china, vincendo a sua volta un tiebreak per 7-2. La sfida resta in equilibrio, anche se Schwartzman trova il guizzo vincente nel decimo game, con break e terzo set in cassaforte per 6-4.

La sfida diventa una specie di ‘battaglia’, con Berrettini che salva ben tre match point, uno sul 5-4 e due sul 6-5 per l’argentino. Si va al tiebreak e l’azzurro lo porta a casa 7-5. Nel quinto se Berrettini parte subit forte e va sul 3-0, un break di vantaggio difeso sino alla fine per il 6-3 conclusivo, affidandosi anche ad un servizio davvero incisivo (22 gli ace alla fine).

Nadal e Federer senza problemi agli ottavi

Per quanto riguarda gli altri risultati invece, i primi a staccare un pass per gli ottavi di finale sono stati il giapponese Kei Nishikori che ha sconfitto nettamente in tre set l’americano Johnson col punteggio di 6-4, 6-3, 6-2. Come abbastanza netta è stata l’affermazione di Sam Querrey contro Millman, con l’americano che si è imposto in meno di due ore con lo score di 7-6 (3), 7-6 (8), 6-3.

Nessun problema per Rafael Nadal, con lo spagnolo qualificato in scioltezza agli ottavi dopo aver superato il francese Jo-Wilfried Tsonga. Il tennista iberico ha vinto velocemente il primo parziale per 6-2, continuando poi la sua corsa verso gli ottavi con altri due parziali vinti comodamente per 6-3, 6-2. Nessun problema nemmeno per Roger Federer, con lo svizzero che ha battuto l’altro tennista transalpino Lucas Pouille. Primo set equilibrato ma risolto in extremis sul 7-5, secondo parziale comodo per il 6-2 finale. Nel terzo set si arriva al tiebreak, anche se Pouille sul 5-6 annulla con un ace il primo match point per Federer. Nel ‘gioco’ decisivo l’elvetico allunga sul 4-1 con un mini break di vantaggio. Sul 6-3 il francese annulla un seconda palla match, ma poi sul 6-4 arriva l’errore e Federer affronterà proprio Berrettini negli ottavi.

DATE, CALENDARIO E TABELLONI WIMBLEDON 2019