L’Inter ha deciso di puntare su Antonio Conte per la prossima stagione. L’ex tecnico del Chelsea ha firmato un contratto triennale, fino a giugno 2022, a oltre 9 milioni di euro a stagione. I nerazzurri, dunque, alla fine hanno cambiato nonostante Luciano Spalletti abbia centrato anche quest’anno la Champions League, obiettivo stagionale, così come successo lo scorso anno. Il tecnico di Certaldo, probabilmente, ha pagato un cammino interrotto troppo presto in coppa Italia e in Europa League. Inoltre l’amministratore delegato, Giuseppe Marotta, ha voluto puntare su un allenatore che conosceva molto bene e con la quale ha già vinto ai tempi della Juventus.

Spalletti e l’esperienza all’Inter

L’ormai ex tecnico dell’Inter, Luciano Spalletti, è intervenuto ad un convegno per allenatori, The Coach experience, in cui si è soffermato sulla sua avventura sulla panchina nerazzurra. Due quarti posti per l’allenatore di Certaldo, raggiunti in entrambi i casi all’ultima giornata. Anche questa volta, tra l’altro, il gol vittoria è arrivato all’81’. Queste le sue parole:

“Mi porto dietro ricordi bellissimi, avere la possibilità di allenare l’Inter è stata una cosa bellissima e un grande onore. Un’esperienza che solo se vivi dal di dentro capisci quanto sia importante. L’Inter è una grande squadra, soprattutto deve rispondere a dei tifosi eccezionali, che si aspettano moltissimo. Un bacino enorme che merita soddisfazioni”.

Conte e il futuro

Non è dato sapere quale sarà il futuro di Luciano Spalletti. Il tecnico di Certaldo ha ancora due anni di contratto con l’Inter, a 4 milioni di euro a stagione. Al momento non c’è stato alcun incontro per discutere della rescissione. Probabile che questo avverrà non appena ci saranno ipotesi concrete che interesseranno l’ormai ex allenatore nerazzurro. Intanto si è così espresso su Conte e futuro:

Su Conte: “Mi porto dietro ricordi bellissimi, avere la possibilità di allenare l’Inter è stata una cosa bellissima e un grande onore. Un’esperienza che solo se vivi dal di dentro capisci quanto sia importante. L’Inter è una grande squadra, soprattutto deve rispondere a dei tifosi eccezionali, che si aspettano moltissimo. Un bacino enorme che merita soddisfazioni”.

Sulla Fiorentina: “Sono molto felice per Vincenzo, il suo lavoro si vedrà quest’anno, quella sarà la sua squadra, il lavoro finora è stato un impegno parziale”.

Anno sabbatico: “Non vi dico quello che faccio”.

Le ultime notizie sull’Inter