Dopo un tour de force di venti giorni la Serie A si ferma. Ieri si è giocata la dodicesima giornata, che ha ribadito come per il titolo sarà un testa a testa tra Inter e Juventus. Vittorie sofferte per entrambe, con i nerazzurri che hanno battuto il Verona in rimonta 2-1. I bianconeri, invece, si sono imposti di misura per 1-0 sul Milan. Chi sta facendo benissimo, però, è il Cagliari che, battendo la Fiorentina 5-2, vola al terzo posto in classifica con 24 punti, alla pari con la Lazio, vincente in casa sul Lecce. Male, rispetto ad un anno fa, soprattutto i rossoneri, che rischiano di essere coinvolti nella lotta per non retrocedere, e il Napoli, fermo a 19 e lontano ben cinque lunghezze dalla zona Champions.

Serie A, Cagliari e Inter dominano la classifica a confronto

Rispetto alla dodicesima giornata di un anno fa, c’è un dato che risalta all’occhio: il dominio di Cagliari e Inter. E se per i nerazzurri, che hanno sei punti in più (31) ci poteva essere qualche presagio grazie all’arrivo del miglior allenatore in circolazione (Antonio Conte), lo stesso non si può dire dei rossoblu. Grazie al successo sulla Fiorentina per 5-2, la squadra di Maran e salita a 24 punti ed è a più dieci rispetto allo scorso anno. Nonostante il cambio di allenatore, bene anche l’Udinese, che con il pari contro la Spal è salita a 14 ed è a più cinque rispetto alla scorsa stagione. Nonostante i passi falsi dell’ultimo turno restano in saldo positivo anche Atalanta (più quattro con 22 punti) e Roma, a più tre nonostante il ko contro il Parma che l’ha fatta scivolare al quinto posto con 22 punti. Anche il Bologna sta leggermente meglio e, nonostante la sconfitta con il Sassuolo, è a più due (12 punti contro i 10 dello scorso anno). Più due anche per la Lazio, che con il successo sul Lecce è balzata in zona Champions con 24 punti. Stessa situazione dello scorso anno per il Parma, che con il successo sulla Roma è salita a 17 punti e continua la propria corsa per una salvezza tranquilla.

Male Napoli e Milan

Tra le squadre che stanno facendo peggio rispetto ad un anno fa in Serie A ci sono sicuramente Napoli e Milan. Gli azzurri sono scivolati al settimo posto con 19 punti e hanno ben nove punti in meno dello scorso anno. Non va meglio ai rossoneri, fermi a 13 punti e a meno otto rispetto allo scorso anno. Solo quattro sono le lunghezze di vantaggio sulla zona retrocessione. Male anche Sampdoria e Sassuolo, ferme rispettivamente a 9 e 13 punti e a meno sei rispetto ad un anno fa con gli emiliani che, però, devono recuperare una gara. In piena zona retrocessione Spal e Genoa, con 8 e 9 punti in classifica e cinque lunghezze in meno rispetto alla scorsa stagione. Anche il Torino ha tre punti in meno rispetto allo scorso campionato (14 contro 17). Solo nell’ultimo turno è tornato al successo contro il Brescia. Nonostante il primato in classifica, saldo negativo anche per la Juventus, che ha due lunghezze in meno (32 a 34). L’ultima squadra è la Fiorentina, che ha un punto in meno rispetto allo scorso anno. I viola dopo il ko con il Cagliari sono rimasti a 16 punti e rischiano di aver detto addio alla lotta per l’Europa.

Info Serie A 2019-2020

LA CLASSIFICA DI SERIE A 2019-2020

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2019-2020