Sassuolo-Samp, Giampaolo: “Non ci sono Ramirez e Saponara. Dobbiamo aumentare la consapevolezza”

    Alla vigilia del match contro il Sassuolo, il tecnico della Sampdoria, Marco Giampaolo, ha parlato di molti temi in conferenza stampa

    54

    La Sampdoria si gioca le sue ultime carte di poter dire ancora la sua nella corsa all’Europa League. La sconfitta contro l’Atalanta di domenica scorsa, di certo, non ha agevolato e adesso serve solo vincere. E il match di sabato pomeriggio al Mapei Stadium contro il Sassuolo potrà dire molto per il raggiungimento o meno dell’obiettivo. Qualsiasi risultato che non sia la vittoria potrebbe rendere il finale di stagione di blucerchiati praticamente senza una meta da raggiungere.

    Giampaolo in conferenza stampa

    Alla vigilia della sfida in terra emiliana, il tecnico della Samp, Marco Giampaolo, è intervenuto direttamente da Bogliasco in conferenza stampa.

    La sconfitta di domenica scorsa poteva anche essere evitata. Il pareggio poteva anche essere più giusto. I numeri della gara sono buoni, nella contrapposizione fisica. La squadra non ha fatto male. Loro sono stati più bravi negli episodi più decisivi. La differenza fra noi e l’Atalanta, faccio l’esempio loro, è che i neroazzurri hanno acquisito, attraverso le gare in Europa, una certa consapevolezza nell’affrontare la partita. La Samp va alla ricerca della consapevolezza in partita. Bisogna lavorare su questo salto di qualità. Voi mi direte come? La strada è lunga ma io la squadra la pungolo sotto questo punto di vista per alzare il nostro livello di autostima. In questo senso la gara con il Sassuolo è un’ulteriore prova per arrivare a quel tipo di consapevolezza che oggi ha l’Atalanta”.

    Sul vincere a tutti i costi col Sassuolo: “Non bisogna vincere obbligatoriamente. Noi rispetto al girone di andata abbiamo quattro punti in meno, numeri alla mano. Noi nelle prossime cinque partite, vedendo sempre il girone di andata, abbiamo fatto due punti. Bisogna giocare con un certo tipo di consapevolezza, bisogna giocare le partite con autostima sennò non puoi vincere. Sono esperienze che devi maturare attraverso il percorso che devi fare. Domani sarà una partita tosta e complicata”.

    Giampaolo: la formazione e Defrel

    Sulla formazione da mandare in campo, viste le tante defezioni: “Al netto di quelle che sono le assenze, la squadra ci arriva bene. Ramirez non c’è, Saponara nemmeno. A trequarti gioca o Defrel o Praet. Ognuno lo interpreterà con caratteristiche proprie.

    Come sta Defrel? Quella è la sua vita privata che essendo un personaggio pubblico, deve rispondere. Io non faccio il guardiano dei calciatori. Penso sia stato un danno di immagine per il calciatore stesso e per la società stessa. Penso anche per sé stesso perché poi sono uscite delle cose non vere. Lui deve rispondere alla società per l’immagine che si porta dietro e poi sul campo. Questa settimana si è allenato benissimo, si è sentito in colpa ma ha fatto bene ed è motivato. E’ convocato, poi non so se gioca o non gioca”.

    LE ULTIME NOTIZIE SULLA SAMPDORIA