Roma-Napoli, Ancelotti: “Vogliamo consolidare il secondo posto. Solo una contrattura per Insigne”

    Alla vigilia del big match in casa della Roma, il tecnico del Napoli, Carlo Ancelotti, ha parlato di tanti temi in conferenza stampa

    14

    Roma-Napoli è in assoluto il match più importante della 29esima giornata di Serie A. Per il fascino che un match del genere ha da sempre, ma anche per i risvolti di classifica. I giallorossi, infatti, in ottica quarto posto, se non sono all’ultima spiaggia poco ci manca. Dopo aver perso contro la Spal e non aver approfittato dello scontro diretto nel derby di Milano, la Roma ha un solo risultato. Ma il Napoli è conscio di questo e non può abbassare la guardia, nonostante sia saldamento al secondo posto. La sfida dell’Olimpico è un test importante per i partenopei, anche in vista dell’Europa League dove affronteranno l’Arsenal l’11 e il 18 aprile.

    Ancelotti in conferenza stampa

    Nella consueta conferenza stampa della vigilia (qui le parole di Claudio Ranieri), il tecnico azzurro Carlo Ancelotti ha parlato di tanti temi. Partendo però dalle condizioni di Lorenzo Insigne, nuovamente out per un problema muscolare: “Ha fatto un’ecografia ieri. Non ci sono lesioni particolari, ma solo una contrattura all’adduttore, che non era il muscolo già interessato nel precedente infortunio. Il percorso di recupero è breve, tra 2-3 giorni starà bene. Valuteremo per mercoledì. non è a rischio per l’Arsenal”.

    Con la Roma test più impegnativo fino all’Arsenal? C’è qualche giocatore acciaccato, Zielinski squalificato, ma non credo di essere in emergenza. Non abbiamo avuto problemi dalle nazionali, tutti hanno recuperato bene, pure Fabian dopo una settimana d’influenza. Ci alleniamo con grande intensità, quindi ci sta qualche acciacco, ma la squadra sta bene e faremo una bella partita contro un’ottima squadra e sappiamo quanto sia importante per la classifica. Loro lottano, noi vogliamo consolidare il secondo posto”, le parole riportate da tuttonapoli.net.

    Ancelotti e il calciomercato Napoli

    In questi giorni si sta facendo grande parlare dei possibili movimenti del Napoli nel calciomercato estivo. Ma Ancelotti ha risposto: “Lo scrivete e finisce lì. Restano 60 giorni e non ha senso perdere energie col mercato, i giocatori lo sanno bene. Tutte voci al 99% che non sono vere. Addirittura si dice che io abbia chiamato miei ex giocatori, ma l’ultimo che ho chiamato è un ex, Xabi Alonso, quindi perciò… Rafinha? L’ho salutato a settembre, ma era l’anno scorso (ride, ndr).

    Se il mercato dipenderà dalle cessioni? Allan e Koulibaly sono giocatori del Napoli e resteranno del Napoli. Quando mi vedrete incatenato a Castel Volturno sigificherà che sono andati via. Non c’è la volontà di cedere e soprattutto non c’è l’esigenza di vendere. Verdi e Mertens? Verdi ha avuto dei problemi, non ha espresso il suo potenziale. Ci sono diverse attenuanti, una squadra nuova, problemi alla caviglia, ora sta bene e si riparte, è un periodo importante per tutti. Mertens sta facendo bene in campo e sul piano comportamentale. E’ di aiuto per comportamenti e serietà, porta positività. Poi è dotato di personalità, un carattere positivo, il futuro lo penso con Mertens”.

    LE ULTIME NOTIZIE SUL NAPOLI