Il Milan fa suo lo scontro diretto del Meazza: Kessié mette ko la Lazio

    Il Milan mette ko la Lazio nel terzo anticipo della 32esima giornata di Serie A, confermandosi al quarto posto in classifica

    142

    Il Milan vince lo ‘spareggio’ Champions contro la Lazio, a decidere il match il rigore di Kessié al minuto 79, assegnato da Rocchi per un fallo di Durmisi su Musacchio. I rossoneri, con questa vittoria, tornano al quarto posto con 55 punti, mentre la squadra di Inzaghi rimane a quota 49 con una partita da recuperare.

    LA CRONACA DELLA PARTITA – Il terzo e ultimo anticipo della 32esima giornata di Serie A si gioca allo stadio Giuseppe Meazza tra il Milan di Gennaro Gattuso e la Lazio di Simone Inzaghi. Il Milan deve riprendere in fretta la marcia. I ‘bonus’ sono ormai stati spesi tutti e dopo un solo pareggio nelle ultime quattro giornate, urge tornare a fare punti per non mettere a rischio l’importantissimo quarto posto in classifica. Dal canto suo la Lazio non può più sbagliare allo stesso modo, visto che la concorrenza è folta. I biancocelesti sono reduci da un punto nelle ultime due, col pareggio di settimana scorsa col Sassuolo arrivato in extremis

    Sul fronte formazioni ufficiali, Gennaro Gattuso va a riproporre il modulo 4-3-3. Davanti a Pepe Reina, la difesa a quattro è composta da Calabria, Zapata, Romagnoli e Ricardo Rodriguez. A centrocampo il trio con Kessié, Bakayoko e Calhanoglu, mentre nel tridente offensivo spazio per Borini, Piatek e Suso. Dall’altra parte Simone Inzaghi punta sul modulo 3-5-2. In porta spazio per Strakosha, con difesa a tre formata da Luiz Felipe, Acerbi e Radu. A centrocampo linea a cinque con Romulo, Luis Alberto, Leiva, Milinkovic-Savic e Lulic, mentre in avanti ci sono Correa e Immobile.

    Primo tempo, tante occasioni al Meazza

    Il match inizia con una grandissima occasione per la Lazio: penetrazione di Correa che salta tre avversari, entra in area e lascia la sfera a Immobile, il numero 17 calcia di prima intenzione e a botta sicura, trovando però la grande risposta di Reina. Il Milan fatica a far girare il pallone quando la Lazio si chiude, con Correa e Immobile sempre pronti a ripartire. Meglio i biancocelesti che al 19’ si fanno ancora vivi con un destro dal limite di Luis Alberto che Reina blocca in tuffo. Ma la seconda grande chance arriva al 21’: dopo un rimpallo, Immobile dal fondo rimette in mezzo dalla destra, Correa anticipa Calabria all’altezza dell’area piccola spedendo però alto.

    Il Milan crea un primo pericolo al 28’, con un calcio d’angolo battuto corto che porta Suso a calciare dal limite col sinistro, trovando però attento Strakosha alla presa. Un segnale di risveglio. Infatti arriva anche una doppia ottima occasione per i rossoneri: cross dalla sinistra di Borini, in mezzo Piatek protegge palla e tocca all’indietro per Suso che mette alto di poco col sinistro al 31′. Poco dopo Calabria sfonda a destra e mette un bel pallone al centro, Piatek stacca benissimo e mette il pallone a pochi centimetri dal palo sinistro difeso da Strakosha. Nel finale di tempo però Lazio ancora vicinissima alla rete: gran pallone di Luis Alberto sul taglio di Immobile, il numero 17 gira prontamente a rete colpendo il palo esterno sull’uscita di Reina. Si va così all’intervallo.

    Secondo tempo, ritmi più bassi

    Il secondo tempo si apre subito con un problema per Correa: infortunio muscolare per l’argentino che lascia il campo, al suo posto dentro Caicedo. Ritmi più blandi in avvio di ripresa, con due squadre attente a non concedere spazi e con molta paura di commettere un errore ‘fatale’. Al 65’ nuovo squillo Lazio: bella combinazione Caicedo-Romulo con l’esterno che arriva alla conclusione con il passo un po’ lungo, palla forte e precisa che Reina deve deviare in calcio d’angolo. Al 67’ problemi fisici anche per Romagnoli, al suo posto dentro Zapata. Gattuso poi inserisce anche Laxalt per Calabria per un doppio cambio, passando al modulo 3-4-3.

    E proprio il difensore centrale colombiano al 70’ innesca un’azione pericolosa per i suoi: grande azione di Zapata che intercetta e porta palla fino al limite dell’area avversaria dove serve Piatek, l’attaccante calcia con il sinistro ma l’uscita di Strakosha gli sbarra la strada in corner. Il Milan aumenta la pressione, con Inzaghi che al 74’ manda in campo Durmisi per Lulic. Al 76’ Rocchi fischia un calcio di rigore per il Milan, per un tocco col braccio di Acerbi sul cross di Calhanoglu. Ma, giustamente, andando al VAR l’arbitro torna sui suoi passi e concede il corner.

    Kessié trasforma il rigore

    Tuttavia poco dopo arriva l’episodio che cambia il match: pallone lungo di Laxalt, Piatek non ci arriva ma alle sue spalle s’inserisce Musacchio che anticipa Durmisi e viene atterato. Penalty ineccepibile che Kessié trasforma spiazzando Strakosha con un piatto destro. Nel finale arrivano gli ultimi cambi, con Parolo per Bastos nella Lazio e Cutrone per Piatek nel Milan. Ospiti nervosissimi e Inzaghi viene allontanato da Rocchi all’86’. La Lazio si sbilancia e al 91’ Strakosha compie un grande intervento per negare a Suso il raddoppio rossonero. Finale confuso e intenso, ma il Milan vince e porta a casa tre punti fondamentali.

    Info Serie A 2018-2019

    LA CLASSIFICA DI SERIE A 2018-2019

    PROSSIMO TURNO SERIE A

    CLASSIFICA MARCATORI SERIE A