Serie A, Criscito salva il Genoa: al Ferraris è 1-1 col Cagliari

Il Genoa si salva all'89' e ottiene un punto contro il Cagliari, nel secondo anticipo della 37esima giornata di Serie A giocato allo stadio Ferraris

Il secondo anticipo della 37esima giornata di Serie A si chiude con un pareggio. Il Genoa racimola un punto all’89’ contro il Cagliari, col rigore di Criscito che ha pareggiato l’iniziale svantaggio arrivato al 40′ del primo tempo. Un punto che non mette al sicuro i liguri, mentre per i sardi è salvezza aritmetica.

LA CRONACA DELLA PARTITA – Il Genoa per allontanarsi dalla zona retrocessione, attualmente ad un solo punto di distanza. Il Cagliari per ottenere la salvezza matematica visto che ha cinque punti di vantaggio al momento sul terzultimo posto. Sono questi i temi principali del match che si gioca allo stadio Marassi di Genova, valido per la trentasettesima giornata di Serie A, la penultima di campionato.

Sul fronte formazioni ufficiali, Cesare Prandelli, vara la difesa a tre e si affida al 3-5-2. In porta Radu con Gunter, Biraschi e Zukanovic in difesa. A centrocampo spazio per Pereira, Veloso, Radovanovic, Bessa e Criscito, mentre in avanti ci sono Pandev e Lapadula. Dall’altra parte Rolando Maran, si affida ad un modulo speculare e cambia tutto. Davanti a Cragno ci sono Cacciatore, Pisacane e Klavan. A centrocampo linea a cinque con Srna, Barella, Bradaric, Ionita e Luca Pellegrini, in avanti il tandem ‘pesante’ con Cerri e Pavoletti.

Primo tempo, Cagliari in vantaggio

Il match inizia con un Genoa propositivo e voglioso di fare la partita. Ci provano Bessa e Criscito, poi una punizione di Veloso dal limite è alta. Un’ottima chance arriva al 23’: conclusione sporcata di Radovanovic che diventa buona per Lapadula,il dieci cerca la girata spalle alla porta ma viene chiuso da Cacciatore, che mette in corner. Così come liguri vicini al gol al 26’: pallone morbido di Pandev per Bessa che sbaglia il primo controllo, ma la deviazione beffarda di Cacciatore rischia di sorprendere Cragno, abile a salvare tutto con un gran riflesso.

Il Cagliari si limita a controllare, con i sardi che rischiano ancora al 28’: palla lunga a cercare Lapadula, il suo tocco viene sfruttato da Pandev che entra in area e piazza col mancino un rasoterra sul palo più lontano che Cragno è bravissimo a intercettare. Tuttavia il Cagliari prende campo nel finale e al 36’ il primo squillo sardo è sventato dalla difesa rossoblu in extremis. Al 40’ però ospiti in vantaggio: lancio lungo di Bradaric in area verso Pavoletti, controllo di petto all’indietro per eludere Gunter e destro bellissimo al volo per freddare Radu e gelare il Ferraris.

Secondo tempo, pari Genoa all’89’

Il secondo tempo si apre con un cambio nei padroni di casa, con Prandelli che manda in campo Kouamé per Pedro Pereira. Un cambio tattico per giocare col 4-3-1-2. Il predominio territoriale dei padroni di casa aumenta, ma Cragno non corre grandi rischi nel primo quarto d’ora. Al 61’ ci prova Lapadula senza fortuna, poi al 63’ ottima occasione: destro a botta sicura di Kouamé sugli sviluppi di un corner, Zukanovic è sulla traiettoria e toglie il pallone dalla disponibilità di Cragno, facendolo però carambolare a lato. Al 66’ problemi muscolari per Pavoletti, così Maran manda in campo Joao Pedro.

Il Genoa ci mette orgoglio, ma poche idee per la verità. La pressione offensiva non manca, ma le occasioni si. Al 74’ Prandelli si gioca il secondo cambio, inserendo Sanabria per Lapadula. Il Cagliari sfiora il raddoppio all’83’ con un colpo di testa di Romagna che Radu tira fuori dalla porta con un grande intervento. E all’89’ il Genoa si conquista un calcio di rigore per un fallo col braccio di Bradaric, dopo una mischia in area. Valeri assegna il penalty dopo aver visionato le immagini al VAR, Criscito dagli undici metri non sbaglia.

Info Serie A 2018-2019

LA CLASSIFICA DI SERIE A 2018-2019

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A