La Juventus cade ancora, la seconda volta nelle ultime tre giornate, e mette a rischio la vetta solitaria. I bianconeri vengono sconfitti da un coriaceo e indomabile Verona per 2-1, subendo la rimonta degli scaligeri adesso in piena zona Europa League. Ospiti in vantaggio al 65′ col solito Cristiano Ronaldo, ma questa volta non basta perché gli errori di Pjanic prima e Bonucci poi favoriscono la rimonta veronese con Borini e il rigore di Pazzini.

CRONACA VERONA-JUVENTUS – Sul fronte formazioni ufficiali, Ivan Juric schiera i suoi col solito 3-4-2-1 in cui questa volta è Borini è il riferimento centrale in avanti, con Zaccagni e Pessina a supporto. Risponde Maurizio Sarri col 4-3-3 e con un tridente offensivo confermato rispetto alla sfida contro la Fiorentina, ossia con Ronaldo e Douglas Costa ai lati di Higuain.

Primo tempo, parità senza reti

Il match del Bentegodi inizia, come prevedibile, su ritmi indiavolati con un Verona senza timore ad aggredire i bianconeri, per l’occasione con maglia bianca e inserti rossi. Il primo pericolo creato dagli scaligeri arriva all’11’ con Faraoni che impegna Szczesny, quasi sorpreso dalla conclusione da posizione defilata. La pressione veronese è veemente, scoprendo però la retroguardia e al 19′ Douglas Costa, dopo una progressione palla al piede di cinquanta metri schianta la traversa con un sinistro violento dal limite.

Sandro-Borini, Verona-Juventus

Non ci sono pause e poco dopo il Verona, con un colpo di testa di Kumbulla batte un incerto Szczesny e fa 1-0. Ma, al VAR, rilevano un fuorigioco del difensore albanese sulla battuta del calcio piazzato di Veloso, portando Massa ad annullare. La partita resta godibile e giocata a velocità altissima, con la Juventus nuovamente sfortunata al 36′: Ronaldo dalla sinistra converge al centro e fa partire un destro a giro velenoso che incoccia il palo, così Silvestri è ancora salvo. Nel finale ancora il portoghese a provarci due volte, ma senza fortuna.

Secondo tempo, emozioni e gol al Bentegodi

La ripresa si apre senza cambi e con una sfida che si mantiene sempre molto piacevole. Dopo un paio di richieste di rigore, prima di Higuain e poi da Zaccagni, Sarri decide che il minuto 60 è quello giusto per vedere in campo Dybala al posto dell’argentino ex Napoli e Milan. Poco prima Juric aveva inserito Verre per Miguel Veloso. E al 65′ Juventus in vantaggio: doppio scambio tra Ronaldo, Dybala e Bentancur, col portoghese lanciato a rete. L’ex Real si difende dal ritorno di Rrahmani, poi con un doppio passo si allarga e trafigge Silvestri con un perfetto diagonale.

gol Ronaldo, Verona-Juventus

Juric non perde tempo e manda in campo Pazzini per Zaccagni, mentre Sarri perde per un problema muscolare Douglas Costa e al suo posto c’è Ramsey. La Juventus però commette un errore mortifero al 76′ che il Verona sfrutta subito per l’1-1: clamoroso errore di Pjanic che al limite della propria area sbaglia il disimpegno, ne approfitta Borini che si presenta davanti a Szczesny e non sbaglia col destro. La Juventus va in tilt e all’85’ diventa protagonista il VAR: azione da corner e colpo di testa di Kumbulla ostacolato dal braccio di Bonucci che tocca la sfera. Massa assegna il penalty che Pazzini trasforma con un destro a mezza altezza. Negli assalti finali della Juventus non succede molto, il Verona dopo cinque minuti di recupero urla al cielo la gioia per la grande impresa.

Info Serie A 2019-2020

LA CLASSIFICA DI SERIE A 2019-2020

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2019-2020