Antonio Conte manda in campo un’Inter quasi ‘improvvisata’ e fatica per un’ora, poi inserisce Brozovic e Sanchez, al posto di Eriksen ed Esposito, e vince la partita contro l’Udinese sulle ali di Lukaku. La doppietta del belga, 16 reti in Serie A, manda l’Inter nuovamente a meno tre dalla Juventus, tornando a vincere in campionato dopo tre pareggi di fila.

CRONACA UDINESE-INTER – Sul fronte formazioni ufficiali, Luca Gotti non riserva sorprese e manda in campo l’Udinese col solito 3-5-2. In attacco ci sono Lasagna e Okaka, con l’argentino De Paul come sempre mezz’ala di centrocampo. Risponde Antonio Conte col 3-4-1-2 in cui Eriksen gioca da trequartista alle spalle di Esposito e Lukaku. Le assenze non mancano, con Padelli tra i pali al posto dell’infortunato Handanovic, oltre a Sensi indisponibile e Lautaro squalificato.

Primo tempo, poche emozioni

Il match inizia con Esposito ed Eriksen subito protagonistia e due conclusioni dal limite su cui Musso si fa trovare pronto, mentre dall’altra parte Padelli è costretto ad alzare in corner un destro da fuori di De Paul. Ben presto però a centrocampo si gioca con intensità e anche frenesia, con Vecino pericoloso al 19′ con deviazione di coscia, sul cross teso di Moses, che termina larga. La prima mezz’ora scivola via senza grandi chance e con un gioco parecchio confusionario.

De Paul, attaccante Udinese

L’Udinese prende comunque fiducia e al 38′ sfiora il vantaggio: azione di forza con Sema sull’out di sinistra che sfida e salta Moses, il suo cross è deviato provvidenzialmente da Padelli ad anticipare Okaka, poi Young è determinante nel respingere il destro di Larsen a rete. Nel finale di tempo gli animi si accendono con le proteste di Conte nei confronti dell’arbitro Di Bello per un mancato fischio su Young, rischiando l’ammonizione e di saltare il derby vista la diffida che incombe. All’intervallo è 0-0.

Secondo tempo, decide Lukaku

La ripresa si apre senza cambi e con l’Inter che sciupa una grande chance: Young calcia in porta, Musso respinge male sui piedi di Esposito che da due passi però calcia malissimo e favorisce ancora l’intervento del portiere argentino che addirittura blocca. I nerazzurri però faticano troppo e per Conte arriva al 59′ il momento di un doppio cambio, inserendo Brozovic per Eriksen e Sanchez per Esposito. Due cambi che ridestano subito l’Inter, tornata a giocare col classico 3-5-2.

Antonio Conte, Inter

La prima avvisaglia del cambiamento la da un destro di Sanchez deviato, poi al 64′ Inter avanti: azione sulla trequarti, poi Barella prolunga con la punta per a destra Lukaku, il numero 9 controlla, rientra verso il centro e con un piatto sinistro supera Musso in diagonale. L’Udinese sbanda, rischia subito di andare sotto ancora e al 70′ Sanchez, dopo aver vinto un rimpallo, viene travolto dall’uscita di Musso. Calcio di rigore solare che Lukaku trasforma ancora col piatto sinistro e fa 0-2. Nel finale l’Udinese prova a segnare almeno il gol della bandiera, ma senza fortuna. L’Inter torna a vincere.

Info Serie A 2019-2020

LA CLASSIFICA DI SERIE A 2019-2020

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2019-2020