Poteva essere la notte della fuga, approfittando dei pareggi di Inter e Lazio. E invece la Juventus cade per la seconda volta in stagione, perdendo per 2-1 al San Paolo contro il Napoli di Gattuso. A decidere la contesa le reti di Zielinski al 63′ e Insigne all’86’, prima che Ronaldo al 90′ renda meno amara la sconfitta bianconera. In classifica così Juventus che resta a più tre sull’Inter e a più cinque sulla Lazio, ma con i biancocelesti che hanno una partita in meno.

CRONACA NAPOLI-JUVENTUS – Sul fronte formazioni ufficiali, viste le tante defezioni Gattuso sceglie ancora Di Lorenzo come centrale di difesa, al suo fianco c’è Manolas con Hysaj e Mario Rui come terzini. A centrocampo, Fabian vince il ballottaggio con Lobotka, Demme in cabina di regia con Zielinski a completare il reparto. In avanti confermato il tridente Callejon-Milik-Insigne. Dall’altra parte Sarri sorprende e rispetto alle previsioni, non ci sono Ramsey e Rabiot. Giocano Matuidi a centrocampo e il tridente pesante in avanti: Dybala, Ronaldo e Higuain.

Primo tempo, zero emozioni al San Paolo

La partita inizia con un buon Napoli e pericoloso al minuto 8 con Milik che mette alto di testa un corner a rientrare di Mario Rui. Ben presto però diventa chiaro il tema tattico della partita, con la Juventus a tenere costantemente il possesso palla e un Napoli tutto chiuso all’indietro e pronto a ripartire. Un atteggiamento che ovviamente costringe i bianconeri a faticare molto per trovare spazi utili e con un Sarri che chiede ai suoi di giocare con più velocità.

Higuain-Demme, Napoli-Juventus

Ci prova Ronaldo con un sinistro che finisce alle stelle e col pubblico di casa che lo fischia. Dall’altra parte il Napoli gioca in 12, dato che Gattuso fa avanti e indietro davanti alla sua panchina, accompagnando ogni movimento difensivo dei suoi. Va da se che di occasioni e spettacolo non se ne vedono, per un match totalmente bloccato. Nessuna emozione di fatto, con Meret e Szczęsny assolutamente inoperosi, per una brutta prima frazione di gioco che si chiude dopo un minuto di recupero.

Secondo tempo, Juventus al tappeto

La ripresa si apre senza cambi, ma dopo pochi minuti Pjanic chiede la sostituzione, per i postumi di una contusione rimediata nel primo tempo, con Sarri che inserisce Rabiot. Il match resta non bello, ma il Napoli è sempre concentrato e non concede facili avanzate ai bianconeri. Tranne al 62′ quando c’è un contropiede: da Dybala a Ronaldo, che salta Hysaj e cede palla a Higuain. In area il Pipita incrocia il destro, ma Meret blocca. Sul capovolgimento di fronte però, Napoli all’improvviso in vantaggio: Insigne prende palla a centrocampo, scambia con Milik e si sposta verso destra esplodendo il destro. Szczesny respinge ma Zielinski ruba il tempo a Cuadrado e infila a porta vuota.

Insigne, Napoli-Juventus

Partita dunque sbloccata e per la Juventus si mette male. Nel frattempo Gattuso opera il primo cambio inserendo Lobotka per Demme al 69′, col tedesco ammonito e dunque a rischio. Sarri non perde tempo e al 73′ manda in campo Bernardeschi per Dybala e Douglas Costa al posto di Matuidi. Ma per la Juventus è una serata negativa e il Napoli chiude i conti al minuto 86: azione che parte sulla sinistra con un tiro cross di Milik raccolto dalla parte opposta da Callejon, pallone al centro che Insigne colpisce al volo di destro trafiggendo Szczesny. Sembra finita, ma al 90′ Ronaldo con una rete da rapinatore d’area, anticipa un Meret incerto e fa 1-2. Nei minuti di recupero ci prova Higuain, ma Meret blocca senza problemi. E’ l’ultimo atto al San Paolo, il Napoli mette ko la Juventus.

Info Serie A 2019-2020

LA CLASSIFICA DI SERIE A 2019-2020

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2019-2020