Il Milan spreca la grande occasione di chiudere il discorso qualificazione alla prossima Champions League, non andando oltre lo 0-0 interno col Cagliari. Un match bloccato quello del Meazza e con i sardi ben disposti in campo, chiudendo ogni spazio ai rossoneri, in serata non brillante. Con questo pari la squadra di Pioli sale a quota 76 punti, al pari del Napoli, a più uno sulla Juventus. Si deciderà tutto negli ultimi 90 minuti.

CRONACA MILAN-CAGLIARI – Il Milan vincendo sarebbe matematicamente in Champions League, il Cagliari invece scende in campo con una salvezza già certa dopo il mancato successo del Benevento sul Crotone. Guardando le formazioni ufficiali, Stefano Pioli conferma il solito 4-2-3-1 con Saelemaekers, Brahim Diaz e Calhanoglu alle spalle dell’unica punta Rebic. Dall’altra parte Leonardo Semplici punta sul 3-5-2 con Joao Pedro e Pavoletti di punta, mentre a centrocampo spazio per Nainggolan, Deiola e Duncan.

Primo tempo, 0-0 al Meazza

I primi 45 minuti di gioco al Meazza non regalano tanto in termini di occasioni e belle giocate, con un Cagliari ben messo in campo e determinato a ben figurare. Il Milan fa girare il pallone con troppa lentezza e questo rende tutto più difficile, anche se la prima chance arriva al 18′ con un destro di Saelemaekers che Cragno alza brillantemente in corner. Gli spazi sono pochi e angusti, quindi il pericolo verso la porta cagliaritana viene portato ancora dalla distanza con un bolide di Calabria che non va distante dal bersaglio grosso. Nel finale di tempo però il Cagliari mette la ‘testa’ nella metà campo rossonera e crea un paio di situazioni che mettono in ambasce la difesa di casa, con Joao Pedro e Nandez molto attivi. All’intervallo si va comunque sul risultato di 0-0 e una ‘pressione’ sempre maggiore sulla spalle della squadra di Pioli, come detto chiamata a vincere per raggiungere il traguardo Champions.

Pavoletti-Hernandez, Milan-Cagliari

Secondo tempo, finisce senza reti

Il secondo tempo si apre con un cambio operato da Pioli, dentro Leao e fuori Saelemaekers. Il Milan parte in maniera più aggressiva e convincente, ma la grande occasione per andare in vantaggio capita al Cagliari al minuto 54: azione a sinistra con Joao Pedro che scodella un pallone sul secondo palo dove Pavoletti schiaccia di testa trovando la bella risposta di Donnarumma. Un campanello d’allarme che induce Pioli ad effettuare altri tre cambi, inserendo Dalot per Calabria, Meité per Bennacer e Castillejo per Brahim Diaz. Ma è ancora Donnarumma a tenere in piedi i padroni di casa al 65′, quando con un tuffo prodigioso dice no alla ‘zuccata’ aerea di Godin. Il Milan reagisce e si rende pericoloso subito dopo con un traversone di Rebic che Castillejo aggancia sul secondo palo mettendo però alto. Il finale di match vede il Milan provarci ma senza grande qualità, col risultato del Meazza che non si blocca. Finisce 0-0, la corsa alla Champions League è ancora apertissima.

Info Serie A 2020-2021

LA CLASSIFICA DI SERIE A

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2020-2021