La seconda giornata di Serie A si è chiusa in questa domenica 29 agosto con gli ultimi quattro match in programma. Nelle partite che si sono disputate alle 20:45, sono arrivate altrettante goleade anche se con andamenti opposti: il Milan al Meazza ha battuto 4-1 il Cagliari, mentre la Roma, all’Arechi, ha sconfitto per 4-0 la Salernitana. Invece, nelle sfide delle ore 18:30, il Napoli ha piegato 2-1 il Genoa al Ferraris, mentre Sassuolo e Sampdoria hanno pareggiato a reti inviolate al Mapei Stadium.

Milan-Cagliari 4-1

Nella passata stagione uno 0-0 casalingo contro il Cagliari ne aveva messo a rischio il piazzamento Champions League, questa volta il Milan non perdona e fa due su due in campionato. La vittoria per 4-1 dei rossoneri è merito di un primo tempo in cui la formazione di Pioli ha sostanzialmente dominato, chiudendolo avanti già col medesimo punteggio finale e maturato con pieno merito. Prima del quarto d’ora botta e risposta col vantaggio milanista a firma Tonali, su punizione, e pareggio sardo con Deiola. Poi l’allungo dei padroni di casa con Leao al 17′ (tiro deviato da Brahim Diaz) e la prima firma ufficiale di Giroud col Milan al 24′. Il francese ha concesso poi anche il bis al 43′, trasformando un calcio di rigore concesso per un tocco col braccio di Strootman (prima punizione e poi correzione col VAR essendo dentro l’area). Nella ripresa, con un risultato ormai al sicuro, il Milan ha sostanzialmente gestito la situazione, pur sfiorando in un paio di occasioni anche la quinta rete.

Salernitana-Roma 0-4

La Roma sale a 6 punti in classifica, come Inter, Milan, Lazio e Napoli, facendo sua la sfida di Salerno grazie ad una ripresa dominata. Primo tempo bloccato all’Arechi e dal copione ampiamente prevedibile: Roma tutta nella metà campo avversaria e Salernitana attenta a non concedere spazi. Tra i protagonisti della prima frazione c’è il portiere di casa Belec, che dice no a Vina e Mancini nei primi 20′ di gioco. Poi invece al 34′ è Abraham a mettere di poco fuori la girata di testa sul cross di Karsdorp. E dunque reti inviolate all’intervallo.

Nella ripresa però solo Roma e Salernitana rapidamente al tappeto. Al 48′ è Lorenzo Pellegrini a sbloccare il match con un diagonale mancino al volo sul suggerimento di Vina. Da lì in poi non c’è più partita visto che al 52′ arriva il raddoppio firmato da Veretout, chiudendo una splendida trama condotta da Carles Perez, Abraham e Mkhitaryan. Poi c’è spazio anche per la prima rete in giallorosso di Abraham al 69′ con un destro a giro e il poker finale con la doppietta personale di Pellegrini.

esultanza gol Petagna, Napoli

Genoa-Napoli 1-2 e Sassuolo-Sampdoria 0-0

Le prime due sfide di giornata, come detto sopra, si sono giocate alle 18:30. Partendo da quella dello stadio Ferraris di Genova, il Napoli è riuscito a piegare il Genoa per 2-1 con una rete nel finale di Petagna, dato in uscita e vicino al prestito alla Sampdoria (anche se il suo futuro ora potrebbe cambiare). La sfida si è sbloccata al 39′ con la rete di Fabian Ruiz per i partenopei, i quali però hanno visto i liguri pareggiare al 69′ col giovane Cambiaso. Poi è arrivata la firma di Petagna all’84’ che ha deciso la contesa. Proprio l’attaccante ha dichiarato: “Nell’ultimo mese, da quando è iniziato il ritiro, ho avuto un piccolo infortunio. Da venti giorni stavo con la squadra. Sentivo però che questa settimana stavo meglio, me lo sentivo di segnare. Non pensavo di essere qui oggi, ci sono state tante vicende in questa settimana. Ma avevo voglia di dimostrare, so quanto valgo. Mi piace entrare e segnare? “E’ bellissimo. Ma sinceramente col mio fisico faccio un po’ fatica, ho bisogno di giocare più minuti per stare bene”.

Nell’altro match, quello del Mapei Stadium di Reggio Emilia, è arrivato un pari senza reti tra Sassuolo e Sampdoria. Primo tempo però con tante occasioni, le più grandi per Caputo da una parte e Candreva dall’altra. Ad inizio ripresa altra chance sprecata dal centravanti neroverde e match che non si sblocca. Al termine della sfida sono arrivate le parole del tecnico dei blucerchiati Roberto D’Aversa. “Era importante muovere la classifica: prima di una sosta terminare con zero punti non sarebbe stato piacevole. Se analizziamo le due partite di campionato e quella di Coppa Italia ci sono tanti spunti positivi. Abbiamo perso due giocatori come Torregrossa e Gabbiadini, ma la squadra si è ben comportata. Mercato? Dobbiamo recuperare Ernesto e Manolo, Osti e Faggiano sanno cosa ci serve”.

Ti può interessare

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2021/2022

LA CLASSIFICA DI SERIE A

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A