La 36esima giornata di Serie A, aperta con l’anticipo del martedì stravinto dal Napoli, è proseguita in questo mercoledì 12 maggio con otto match in programma. Il primo di questi, iniziato alle 18:30, ha visto arrivare un pareggio senza reti alla Sardegna Arena tra Cagliari e Fiorentina, con i sardi ad un solo punto dalla matematica permanenza nella massima serie e i viola invece già salvi. Nei match serali invece vincono Atalanta, Milan, Juventus e Lazio in zona Champions League, rispettivamente contro Benevento (2-0), Torino (0-7), Sassuolo 3-1, Parma (1-0). In coda il Genoa si salva matematicamente vincendo a Bologna, mentre lo Spezia pareggia 2-2 nel Derby ligure con la Sampdoria andando a più quattro sul Benevento terz’ultimo. Infine l’Inter, che non si ferma, batte anche la Roma nel 3-1 del Meazza.

Bagarre Champions, vincono Atalanta, Milan, Juventus e Lazio

Torino-Milan 0-7: La prima mezz’ora dell’Olimpico è tutto di marca rossonera, col Milan a chiudere in vantaggio per 2-0 all’intervallo. Il vantaggio arriva al minuto 19 con un sinistro poderoso di Theo Hernandez, mentre il raddoppio col rigore di Kessié al 26′, penalty concesso per un netto fallo di Lyanco su Castillejo. Ad inizio ripresa il risultato si fa ancora più pesante per il Torino, con Kessie che ruba palla e offre a Brahim Diaz un pallone che lo spagnolo manda alle spalle di Sirigu. Non c’è più partita, i granata mollano di schianto e il Milan non ha pietà, segnando ancora con Theo Hernandez al 62′ e tre volte con Rebic (67′, 72′, 79′).

Atalanta-Benevento 2-0: La sfida del Gewiss Stadium vede come da copione l’Atalanta fare il match e creare i pericoli più importanti. Per sbloccare la sfida però serve una super giocata tra Malinovskyi e Muriel, con l’ucraino che assiste il colombiano che fredda Montipò con un pregevole tocco mancino. Nella ripresa il Benevento prova a reagire, ma l’Atalanta continua a dominare trovando il 2-0 con Pasalic al 67′.

Sassuolo-Juventus 1-3: Inizia male la sfida per la Juventus, pasticcio di Rabiot dentro l’area e Raspadori sulla palla vagante salta Bonucci che lo atterra. Rigore nettissimo che però Buffon neutralizza a Berardi, salvando i suoi. I bianconeri, pur soffrendo spesso e volentieri le trame di gioco del Sassuolo, nel finale di tempo alzano la testa e segnano due volte. Il vantaggio arriva con Rabiot al 29′, mentre il raddoppio è firmato da Ronaldo al 45′. Nel secondo tempo il Sassuolo la riapre con la rete di Raspadori al 59′, ma Dybala riporta la Juventus a due gol di distanza al 66′ con un tocco sotto al termine di un bel contropiede.

gol Dybala, Sassuolo-Juventus

Lazio-Parma 1-0: All’Olimpico si gioca su ritmi non esaltanti, con la Lazio comunque maggiormente vicina al vantaggio e sfortunata al 32′ quando Luis Alberto colpisce la traversa. Nel secondo tempo le occasioni non mancano da entrambe le parti, ma il match si sblocca solo al 95′ con Immobile che mette dentro, dando ancora qualche minima chance di poter inserirsi in zona Champions, anche se resta una missione a dir poco complicata.

Tutti i risultati: vince il Genoa, pari Spezia

Cagliari-Fiorentina 0-0: Come detto in apertura, il primo match di giornata ha visto pareggiare per 0-0 Cagliari e Fiorentina. Alla fine un risultato che accontenta tutti, con i sardi adesso a più cinque sul Benevento terz’ultimo e consapevole che manca un solo punto per la matematica salvezza, a patto che i sanniti facciano bottino pieno negli ultimi 180 minuti. Invece viola già salvi a quota 39.

Inter-Roma 3-1: Primo tempo divertente al Meazza, con l’Inter a partire forte e giocare venti minuti dominando letteralmente. Il 2-0 per i nerazzurri è firmato da Brozovic all’11’ e Vecino al 20′, la Roma sbanda ma torna in partita con il gol di Mkhitaryan al minuto 31. Nel secondo tempo occasioni sia per nerazzurri che giallorossi, ma il 3-1 lo trovano i padroni di casa al 90′ con Lukaku.

Bologna-Genoa 0-2: Primo tempo giocato a viso aperto e col Genoa a sbloccare il risultato al 13′ con Zappacosta con un destro da fuori. Nel secondo tempo il Bologna viene subito colpito dai liguri per lo 0-2, col rigore segnato da Scamacca al minuto 61′. E così la formazione di Ballardini si prende la salvezza matematica.

Sampdoria-Spezia 2-2: Al Ferraris lo Spezia si gioca una fetta di salvezza, gli Aquilotti partono forte e al 15′ passano in vantaggio con merito grazie a Pobega. La Sampdoria comunque reagisce e trova il pareggio al 32′ con Verre, per un gol prima annullato a causa di un offside e poi convalidato dal VAR. Nella ripresa arriva un nuovo botta e risposta, con Pobega che al 73′ rimanda avanti gli ospiti, raggiunti però all’80’ dal bis blucerchiato di Keita.

Info Serie A 2020-2021

LA CLASSIFICA DI SERIE A

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2020-2021