Dopo la vittoria della Juventus sul Lecce venerdì, la Serie A è tornata in campo con altri tre match validi per la 28esima giornata. L’ultimo di questi ha visto la Lazio vincere in rimonta per 2-1 contro la Fiorentina, tornando a meno quattro dalla capolista Juventus. Nelle altre due sfide, in quella delle ore 17:15 Brescia e Genoa hanno pareggiato per 2-2, mentre nel match delle 19:30 il Cagliari ha sconfitto in casa per 4-2 il Torino.

Lazio-Fiorentina 2-1

Partita viva fin da subito, coi biancocelesti che ci provano con un colpo di testa a lato di Caicedo al 6′ e i viola che rispondono invece con un paio di punizioni senza esito dal limite. L’equilibrio regna sovrano fino al 25′, quando Ribery si inventa una perla che sblocca il risultato: l’ex Bayern parte dalla sua zolla preferita ossia defilato a sinistra, salta Parolo e Patric come birilli e, una volta fintato anche Acerbi, infila Strakosha sul primo palo per l’1-0 viola. La risposta dei padroni di casa si materializza poco dopo, ma Dragowski è bravo ad opporsi a due mani al colpo di testa di Parolo. All’intervallo è 0-1.

Ribery-Patric, Lazio-Fiorentina

Nel secondo tempo Inzaghi manda subito in campo Radu per Bastos, ma è la Fiorentina a sfiorare il raddoppio con un destro di Castrovilli dal limite che Strakosha respinge. La Lazio fatica parecchio e al 49′ Ghezzal fa tremare ancora i biancocelesti, ma soprattutto la traversa con un sinistro a giro dal limite che si stampa sul montante. Tuttavia al 66′ arriva la svolta, con Caicedo che si guadagna di mestiere un rigore, atterrato da Dragowski. Dal dischetto Immobile non sbaglia e fa 1-1.

Il finale di match è intenso con due squadre che non si accontentano del pari e all’83’ la rimonta è completata: azione orchestrata da Luis Alberto che verticalizza per Correa, Igor è attento ad intercettare ma lo spagnolo raccoglie la sfera vagante e con un destro all’angolino fa 2-1. Non succede altro, fatto salva l’espulsione diretta di Vlahovic per una gomitata a Patric.

Cagliari-Torino 4-2

Alla Sardegna Arena il Cagliari torna a vincere dal 4 dicembre scorso e come sei mesi fa, lo fa segnando quattro reti. E se quella volta era arrivato un successo in rimonta per 4-3 sulla Sampdoria, questa volta più lineare il 4-2 rifilato al Torino. Primo tempo dominato e chiuso sul doppio vantaggio con i gol di Nandez e Simeone. La ripresa si apre con l’immediato tris del rientrante Nainggolan, prima che i granata abbiano un sussulto di orgoglio segnando due volte con Bremer al 60′ e Belotti al 65′. Quando sembra tutto complicarsi, Nkoulou atterra in area Joao Pedro in area e il brasiliano dal dischetto, minuto 69, chiude i conti per il 4-2.

gol Simeone, Verona-Cagliari

Al termine della sfida coi granata, il tecnico rossoblu Walter Zenga ha dichiarato: “Nandez e Nainggolan hanno aperto all’Europa? Come faccio ad andare contro i miei giocatori? Stanno bene, hanno ritrovato il divertimento e la leggerezza di giocare. Non si possono tenere 90 minuti ad alti livelli ma siamo contenti: abbiamo vinto una partita fondamentale ed è la seconda consecutiva”.

Brescia-Genoa 2-2

Allo stadio Rigamonti finisce invece 2-2 tra Brescia e Genoa. Un match che ha visto i padroni di casa portarsi in vantaggio di due reti con le firme di Alfredo Donnarumma al 10′ e Semprini al 13′. Poi la reazione degli ospiti favoriti anche da un generoso rigore concesso da Irrati al 38′ e realizzato da Iago Falque. Nella ripresa sfida sul filo dell’equilibrio e Genoa sul 2-2 grazie al secondo rigore di giornata, il quarto nelle ultime due, questa volta netto e trasformato da Pinamonti. Un pari che non accontenta nessuno, col Brescia sempre ultimo e con un Genoa che si stacca sì dal terz’ultimo posto, ma col Lecce a solo una lunghezza.

Negli spogliatoi sono arrivate le parole del tecnico ligure, Davide Nicola, che ha dichiarato: “La squadra ha reagito dopo la partita col Parma. Non era facile fare, dopo la prestazione come col Parma dove siamo partiti con la convinzione di poter far nostra la partita ma non l’abbiamo dimostrato nell’atteggiamento. Ora c’è la Juventus e sulla carta può sembrare tutto molto difficile ma noi dobbiamo avere questa mentalità, costruirci la nostra salvezza a fronte a prestazioni importanti, di dedizione a prescindere dall’avversario”.

Info Serie A 2019-2020

LA CLASSIFICA DI SERIE A 2019-2020

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2019-2020

ORARI E DIRETTE TV SINO ALLA 35ª GIORNATA