La 21esima giornata di Serie A, dopo il successo del Milan a Brescia di venerdì sera, è proseguita sabato con altre tre sfide. L’ultima di queste si è chiusa con l’Atalanta che ha ritrovato vittoria e tre punti travolgendo addirittura per 7-0 il Torino di Mazzarri all’Olimpico. Nelle prime due partite invece, vittoria esterna per 3-1 del Bologna nel derby emiliano sul campo della Spal, mentre 0-0 al Franchi tra Fiorentina e Genoa.

Torino-Atalanta 0-7

gol Gosens, Torino-Atalanta

Dunque l’Atalanta, dopo le sconfitte contro Fiorentina in Coppa Italia e Spal in campionato, torna a vincere col proprio marchio di fabbrica: segnare a raffica. Il 7-0 conclusivo contro il Torino la dice lunga sull’andamento di un match mai iniziato e con i granata di Mazzarri travolti dai ragazzi di Gasperini. Primo tempo già chiuso sul 3-0 con le reti di Ilicic, Gosens e Zapata su rigore.

Nella ripresa ancora Josip Ilicic protagonista a completare la propria tripletta, col 0-4 momentaneo segnato da metà campo. Una serata totalmente da dimenticare per il Torino, con la curva Maratona, cuore pulsante del tifo granata, che dopo alcuni cori di protesta nei confronti di squadra e società, è andata progressivamente svuotandosi, lasciando l’impianto a match ancora in corso. Sorride solo l’Atalanta, per il Torino è notte fonda (finisce in 9 per i rossi a Izzo e Lukic) visto che Muriel entra a pochi minuti dal termine e riesce a segnare una doppietta tra l’86’ e l’88’. Punizione severissima.

Fiorentina-Genoa 0-0

Dragowski, portiere Fiorentina

Finisce senza reti la sfida dell’Artemio Franchi di Firenze tra Fiorentina e Genoa. Nonostante le reti bianche le occasioni non sono mancate, con i rossoblu che possono comunque recriminare anche per il rigore sbagliato, parato da Dragowski a Criscito, a metà primo tempo. I viola di Iachini non sono apparsi troppo brillanti, salvati nel finale ancora dal portiere polacco sul colpo di testa di Biraschi e nell’uno contro uno con Pinamonti.

Al termine della sfida il tecnico dei rossoblu, Davide Nicola, ha commentato: “Siamo arrabbiati, ma quell’arrabbiatura giusta. In altri momenti avremmo anche potuta vincerla, ma mi interessava dare la giusta identità. Siamo riusciti a gestire diversamente la palla, e meglio. Dobbiamo sentirci infastiditi dal risultato, ma anche arrivare alle cose per gradi e consapevolezza. Deve diventare il nostro DNA, essere coscienti che vestiamo una maglia prestigiosa, e per rendere fieri gli altri bisogna esserlo noi per primi”.

Spal-Bologna 1-3

Barrow-Igor, Spal-Bologna

Il sabato si era aperto con la vittoria per 3-1 del Bologna sul campo della Spal, per un successo arrivato in rimonta e con merito. I padroni di casa si sono portati avanti col rigore di Petagna al 23′, concesso da Fabbri col VAR per una trattenuta di Paz a Di Francesco, ma subito raggiunti dall’autorete di Vicari al 24′. Nel secondo tempo i felsinei hanno preso il largo tra il 59′ e il 63′ con le reti di Barrow (esordio con gol per l’ex Atalanta) e Poli.

Per la Spal un nuovo stop interno, col tecnico Leonardo Semplici che ha dichiarato: “Ultimamente stiamo facendo buone gare, il problema è che ci mettiamo tanti errori. Siamo passati in vantaggio, dopo quindici secondi abbiamo subito il pareggio. È un aspetto che dobbiamo migliorare: era già successo col Genoa, quasi a Torino. Altri innesti dal mercato? Non lo so, dovete parlare con Vagnati e con il presidente. Sicuramente con Dabo e Bonifazi la società ha fatto un grande investimento Io ho fatto le mie richieste, poi le valuteremo insieme come abbiamo sempre fatto”.

Info Serie A 2019-2020

LA CLASSIFICA DI SERIE A 2019-2020

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2019-2020