Dopo le vittorie di Napoli, Inter e Atalanta, più il pareggio tra Fiorentina e Juventus, la terza giornata di Serie A è proseguita con i tre match domenicali in programma alle ore 15:00. Campo principale il Paolo Mazza di Ferrara per Spal-Lazio, ma sfide interessanti anche al Rigamonti per Brescia-Bologna e al Tardini per Parma-Cagliari.

Spal-Lazio 2-1

Il primo tempo del Paolo Mazza vede la Lazio partire meglio e subito vicina al gol al 9’ col palo di Caicedo. Al 16’ però entra in azione il VAR, che coglie un tocco col braccio di Tomovic sul tentativo di dribbling di Caicedo. Calvarese visiona le immagini e concede il rigore che Immobile non fallisce. Solo dopo la mezz’ora la Spal si fa vedere dalle parti di Strakosha, ma le occasioni migliori restano per gli ospiti con Luis Alberto.

La ripresa però vede una Lazio deconcentrata e incapace di rendersi pericolosa. Semplici cambio modulo e passa al modulo 4-3-3 inserendo Strefezza per Reca. E al 63’ i padroni di casa pareggiano: azione d’angolo, torre di Tomovic per Petagna, controllo e girata di sinistro che fulmina Strakosha. La Lazio stacca completamente la spina e al 92′ la Spal in contropiede completa la rimonta. Contropiede perfetto azionato da una grande giocata di Strefezza e proseguito da Kurtic, Missiroli e Di Francesco. Dopo un destro di Strefezza dal limite, il pallone deviato finisce a Kurtic che, con un rigore in movimento, spiazza Strakosha e fa 2-1.

Brescia-Bologna 3-4

gol Cistana, Brescia-Bologna

Partita intensa e spettacolare al Rigamonti, col Brescia a imperversare nei primi 45’ di gioco. La formazione di Corini gioca meglio e con Alfredo Donnarumma si porta avanti 2-0 nei primi 18 minuti. Prima con un colpo di testa che Skorupski non riesce a smanacciare prima della linea, poi con un destro a giro per la doppietta. Il Bologna ha un sussulto al 36’ con Bani che segna di testa, ma poco dopo è imitato da Cistana per il 3-1 dei lombardi.

Nella ripresa cambia tutto però, perché Dessena al 52’ viene ammonito per simulazione ma essendo il secondo cartellino giallo Rocchi lo manda negli spogliatoi per l’inevitabile espulsione. Il Bologna ne approfitta e tra il 56’ e il 59’ si porta subito sul 3-3, con i tocchi sotto misura di Palacio prima e Poli dopo, anche se in realtà quest’ultimo è anticipato da Sabelli per l’autogol del terzino bresciano. Per il Brescia è durissima e all’80’ Orsolini batte Joronen con un sinistro al volo, imbeccato alla perfezione da Palacio.

Parma-Cagliari 1-3

gol Barilla, Parma-Cagliari

Allo stadio Tardini il Cagliari parte col piede pigiato sull’acceleratore, anche se Bruno Alves al 14’ colpisce un clamoroso palo interno su punizione, e sfrutta due calci piazzati per andare all’intervallo in vantaggio 2-0. E il marcatore è lo stesso, ossia Ceppitelli. L’ex difensore del Bari segna prima con un piatto destro sull’assist di Nandez, poi con un colpo di testa sul calcio di punizione messo al centro da Cigarini.

Il secondo tempo vede un Parma più aggressivo e subito pericoloso con Kulusevski, trovando la rete della speranza al 58’ con Barillà. I ducali spingono ma Olsen salva tutto su Gervinho, poi il Cagliari al 77’ trova la rete del 3-1, con Simeone che ruba palla a Gagliolo e va a battere Sepe.

Info Serie A 2019-2020

LA CLASSIFICA DI SERIE A 2019-2020

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2019-2020