Dopo i due match giocati venerdì, la nona giornata di Serie A è proseguita in questo sabato 23 ottobre con altri tre anticipi. L’ultimo di questi ha visto il Milan espugnare per 4-2 il Dall’Ara di Bologna, non giocando per la verità bene ma approfittando della doppia superiorità numerica per le espulsioni di Soumaro e Soriano. Nelle altre due sfide sono arrivati i successi del Sassuolo, nel 3-1 casalingo al Venezia, e dell’Empoli, nel 4-2 conquistato all’Arechi sul campo della Salernitana.

Bologna-Milan 2-4

Prima frazione di gioco tutta di marca rossonera al Dall’Ara, anche se la prima occasione è del Bologna: sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Arnautovic colpisce di testa a due passi dalla linea di porta, dopo un’uscita a vuoto di Tatarusanu, ma il pallone finisce di un soffio a lato. Dall’altra parte però il Milan trova lo 0-1 al 16′: pallone in verticale di Ibrahimovic per Leao che, da posizione defilata, lascia partire il sinistro, una deviazione di Medel non dà scampo a Skorupski. Poco dopo una seconda svolta: Kjaer serve in profondità Krunic che viene messo giù da Soumaoro al limite dell’area. Per Valeri è chiara occasione da gol e così il difensore dei felsinei viene espulso. Gli ospiti controllano con la superiorità numerica e al 35′ trovano anche lo 0-2: cross di Ballo-Touré, Skorupski allontana male il pallone favorendo il tentativo di Castillejo da due passi. Conclusione respinta, ma la sfera arriva nella zona di Calabria che di potenza gonfia la rete.

Sembra una sfida in ghiaccio, ma l’inizio di ripresa vede un Milan completamente ‘addormentato’ e un Bologna che nel giro di sette minuti segna due volte. Al 49′ arriva l’1-2 con l’autogol di Ibrahimovic, che devia nella propria porta un corner tagliato di Barrow. E al 52′ è già 2-2 con Barrow che batte Tatarusanu, imbeccato in profondità da Soriano. Tuttavia per il Bologna le cose si complicano ulteriormente quando, dopo revisione al VAR, Soriano viene espulso per un durissimo intervento ai danni di Ballo-Touré. In 11 contro 9 però il Milan continua a faticare, giocando su ritmi bassi e compassati. Tanto che le grandi occasioni sono una per parte, con Skorupski bravissimo su Giroud e Tatarusanu a salvare i suoi su Arnautovic. I rossoblu resistono, ma si piegano all’84’: affondo di Bakayoko e cross dalla sinistra, pallone allontanato dalla difesa felsinea ma direttamente sul sinistro di Bennacer che calcia al volo dal limite e batte Skorupski. Il Bologna prova a tornare in parità, ma lascia spazio al Milan che trova anche il 2-4 con un destro piazzato di Ibrahimovic.

Sassuolo-Venezia 3-1

Nel secondo incontro di giornata il Sassuolo è tornato a vincere nel 3-1 casalingo contro il Venezia, rimontando i lagunari e salendo con 11 punti a metà classifica (gli ospiti fermi a quota 8). Ospiti in vantaggio al 32′ con Okereke, ma subito raggiunti al 37′ dal gol di Berardi. Nel secondo tempo gli emiliani allungano con l’autorete di Henry al 50′ e il tris di Frattesi al 67′. Al termine della sfida le parole del tecnico dei neroverdi Alessio Dionisi:

gol Frattesi, Sassuolo-Venezia

“Dobbiamo cercare di dare continuità nella ripresa a quello che si fa nel primo. Son stati bravi i ragazzi. Abbiamo iniziato bene ma non avevamo finito male. Abbiamo dato continuità e siamo contenti di questo. Il risultato è meritato. Ora recuperiamo le energie e dopo questa prestazione e risultato avremo più energie per affrontare la Juve con i tifosi. Ben venga perchè è uno stimolo. Nell’arco di un campionato ci sono partite che sembrano impossibile, alcune le abbiamo giocate e abbiamo avuto prestazioni ma non il risultato”.

Salernitana-Empoli 2-4

Il primo match di giornata ha visto l’Empoli imporsi per 4-2 sul campo della Salernitana, con i toscani saliti a 12 punti e i campani invece sempre ultimi a quota 4. E così il ritorno di Stefano Colantuono sulla panchina dei granata non è stato di quelli da ricordare. Match compromesso dopo appena 13 minuti, con gli ospiti a segno tre volte con Pinamonti (2′), Cutrone (11′) e autogol Strandberg (13′). Prima dell’intervallo arriva anche la doppietta di Pinamonti su rigore per il pesante 0-4. Nella ripresa la Salernitana reagisce, ma riuscendo solo a dimezzare lo svantaggio col gol di Ranieri al 48′ e l’autorete di Ismajili al 55′.

Nel post match le parole di Colantuono: “Tre gol presi in 10 minuti piegherebbero le gambe a chiunque, a maggior ragione a noi che eravamo già in difficoltà. L’aspetto tattico è indicativo ma è c’entrato poco coi gol perchè eravamo anche posizionati bene. Abbiamo fatto delle scelte sbagliate. Faccio i complimenti alla squadra per come si è espressa nel secondo tempo, non era facile cercare di rimettere in piedi una partita che doveva essere quella della riscossa. Il sistema di gioco è vincolato dai giocatori a disposizione, le scelte erano quasi obbligate. Abbiamo sbagliato le prime due partite alla nostra portata, ora non possiamo fallire la terza col Venezia. Dobbiamo fare punti e cercare di vincere per rimanere attaccati al gruppo”.

Ti può interessare

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2021/2022

LA CLASSIFICA DI SERIE A

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A