La decima giornata di Serie A si è aperta con i tre anticipi giocati in questo martedì 26 ottobre. Nell’ultimo match, quello delle ore 20:45, il Milan ha superato 1-0 il Torino con la rete di Giroud al 14′ confermandosi in vetta alla classifica a prescindere dal risultato del Napoli in campo giovedì. Nelle altre due sfide del tardo pomeriggio invece, pareggio 1-1 nel derby ligure tra Spezia e Genoa, mentre importantissimo successo esterno della Salernitana per 2-1 sul campo del Venezia.

Milan-Torino 1-0

Si gioca subito su buoni ritmi e con un Torino molto aggressivo, ma è il Milan a sbloccare il match al primo affondo quando il cronometro segna il minuto 14: calcio d’angolo battuto da Tonali, pallone sul primo palo per Krunic che anticipa Bremer ed allunga sul secondo palo per l’inserimento di Giroud che a porta vuota appoggia in rete. La sfida è molto fisica e l’arbitro Aureliano estrare quattro volte il cartellino giallo. Tre dei quattro ammoniti, escluso Singo, non rientrano in campo nel secondo tempo. Infatti Pioli sostituisce Kalulu con Theo Hernandez e Romagnoli con Kjaer, dall’altra parte l’ex Rodriguez rileva Buongiorno.

Dopo una buona occasione sciupata da Belotti al 53′, Juric si gioca altri due cambi inserendo Sanabria proprio per il numero 9 e Praet per Linetty. I granata spingono con forza alla ricerca del pari, rendendosi pericolosi sui calci piazzati. Al 66′ Pioli si gioca terzo e quarto cambio, mandando in campo Bakayoko per Tonali e Bennacer per Krunic, avanzando Kessie sulla linea dei trequartisti, ma di fatto aumentando la densità di uomini in mezzo al campo. Gli ospiti attaccano e sfiorano il pari al 76′: imbucata di Praet per Sanabria che calcia con il mancino in area di rigore ma trova la respinta di Tatarusanu. Per gli ultimi assalti granata entra in campo anche Zaza, e Torino ancora vicino al pari all’84’ con un tiro di Praet deviato che scheggia la traversa. Finale tutto cuore per la squadra di Juric, ma il Milan resiste e porta a casa la sesta vittoria consecutiva.

gol Ebrima Colley, Spezia-Genoa

Spezia-Genoa 1-1 e Venezia-Salernitana 1-2

Parlando invece delle due partite delle ore 18:30, lo Spezia recrimina per l’1-1 finale contro il Genoa per le tante occasioni sciupate. Al 66′ arriva l’autogol sfortunato di Sirigu che porta in vantaggio gli Aquilotti sul destro da fuori di Colley che aveva mandato la sfera a sbattere contro il palo. La formazione di Thiago Motta spreca più volte il raddoppio e incassa il pari al minuto 86, col rigore trasformato da Criscito.

Nell’altra sfida successo esterno della Salernitana nel 2-1 del Penzo contro il Venezia. Prima parte di gara favorevole ai lagunari di Zanetti che trovano la rete al 14′ con un gran gol di Aramu. Nella ripresa la formazione di Colantuono si affida a Ribery che serve l’assist per il pari di Bonazzoli al 61′. Il Venezia resta anche in 10 per l’espulsione di Ampadu al 67′ (decisione che ha fatto arrabbiare i padroni di casa e i campani trovano il gol vittoria con Schiavone all’ultimo minuto di recupero (95′).

E proprio sull’espulsione di Ampadu, ilpresidente del Venezia, Duncan Niederauer, ha voluto porre l’accento: “Sapete bene che non parlo mai al termine di una gara, lascio spazio a calciatori e allenatori che, a mio avviso, anche oggi meritano un applauso nonostante la sconfitta interna. L’anno scorso pagammo a caro prezzo un arbitraggio negativo contro la Salernitana, la storia si è ripetuta e sono molto amareggiato. Vogliamo essere trattati alla pari delle altre società, mi dispiace molto che il VAR non abbia permesso al direttore di gara di prendere una decisione giusta. Non sono una persona che si aggrappa agli alibi: faccio i complimenti a Ribery, ai miei giocatori e al pubblico che ci ha sempre sostenuto in modo encomiabile. Ma perdere per colpa delle giacchette nere è difficile da digerire, soprattutto oggi che i punti valgono doppio trattandosi di uno scontro diretto”.

Ti può interessare

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2021/2022

LA CLASSIFICA DI SERIE A

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A