L’undicesima giornata di Serie A, dopo il successo del Sassuolo contro il Benevento, è proseguita con altri tre anticipi in programma in questo sabato 12 dicembre. L’ultimo di questi ha visto la Lazio uscire sconfitta all’Olimpico per 2-1 contro il Verona, con gli scaligeri che si confermano squadra di livello. Nelle altre due sfide, ennesima sconfitta per il Torino di Giampaolo nel 2-3 interno contro l’Udinese, mentre prima vittoria stagionale del Crotone nel 4-1 dello Scida contro lo Spezia.

Lazio-Verona 1-2

La prima frazione di gioco non regala tantissime emozioni, riservando però quasi tutto quello degno di nota nel finale. In avvio un errore di Barak nella propria area fa venire un brivido agli scaligeri, ma il diagonale di Immobile termina a lato. Partita equilibrata e quando sembra scritto lo 0-0 all’intervallo, il Verona passa in vantaggio al 45‘: pallone a destra per Faraoni e cross sul secondo palo, Dimarco colpisce al volo e Lazzari, nel tentativo di spazzare via, trafigge Reina. La Lazio sbanda e pochi secondi dopo il portier spagnolo evita anche il raddoppio, chiudendo in uscita provvidenziale su Zaccagni.

Parolo-Akpro, Lazio-Verona

Il secondo tempo si apre senza cambi e con una Lazio che trova il pareggio al 56′: cross dalla destra per Caicedo al limite, l’ecuadoregno riceve palla spalle alla porta e segna in girata col mancino. Il Verona però reagisce bene e crea un paio di situazione importanti, ma per trovare il nuovo vantaggio sfrutta un errore di Radu al 67′: passaggio all’indietro errato del rumeno sul pressing di Salcedo, ne approfitta Tameze che aggira Reina e deposita in rete. Nel finale di partita la Lazio si tuffa in attacco, con Silvestri decisivo due volte su Milinkovic-Savic e Pereira. Finisce 2-1 per il Verona, con i gialloblu in zona Europa.

Torino-Udinese 2-3

Sfida spettacolare fra Torino e Udinese, con i friulani che alla fine sono stati gli unici a sorridere vincendo per 3-2. I bianconeri hanno chiuso il primo tempo in vantaggio con una rete di Pussetto al 24′ e raddoppiato a inizio ripresa con De Paul. I granata hanno reagito alla grande, andando in gol con Belotti e Bonazzoli tra il 66′ e il 67′, ma al 69′ Nestorovski ha riportato avanti gli ospiti. L’Udinese, al terzo successo consecutivo, sale a 13 punti in classifica, il Torino resta penultimo con 6 e per Marco Giampaolo è sempre più dura.

esultanza gol Nestorovski, Torino-Udinese

Proprio il tecnico dei granata ha commentato la sconfitta nel post match: “Ritengo che la squadra ha un valore superiore alla classifica che occupa. Per quelle che sono le individualità, questa è una squadra che non deve essere penultima. Siamo lì per demerito nostro perché abbiamo sperperato e non ci siamo neanche divertiti. Se la squadra è lì ho le mie responsabilità. Quale rapporto col club? Diretto, chiaro, senza scorciatoie, continuo. Io penso a fare il mio lavoro al massimo e a portarlo avanti con serietà. Rischio esonero? Penso che domattina ho allenamento alle 9, tutto il resto mi interessa meno. La società mi è vicina”.

Crotone-Spezia 4-1

Il Crotone ha finalmente trovato la prima vittoria in campionato, superando in casa lo Spezia per 4-1. La sfida dello stadio Ezio Scida è stata sbloccata da Junior Messias dopo 7 minuti, ma i liguri hanno pareggiato con Farias al 18′. Nel secondo tempo Reca al 49′ ha portato nuovamente in vantaggio la squadra di Giovanni Stroppa, poi Eduardo Henrique ha calato il tris al 56′ e ancora Junior Messias ha chiuso i conti al 96′. Con questo successo Crotone sempre ultimo ma con 5 punti, Spezia invece fermo a quota 10.

Giovanni Stroppa, allenatore Crotone

Nel post match il tecnico di Giovanni Stroppa ha dichiarato: “Abbiamo fatto un’ottima prestazione, in crescendo, altre volte uscivamo con prestazioni buone ma senza nulla di concreto in mano. Finalmente portiamo a casa punti importanti contro una diretta concorrente. Il giusto premio al lavoro che la squadra fa ogni giorno, continuando a crederci. Sapevamo che il calendario poteva essere difficile, ma dobbiamo mantenere idee e freschezza mentale. La classifica piange ancora, ma quello che abbiamo fatto può essere determinante così come avevo detto anche alla vigilia”.

Info Serie A 2020-2021

LA CLASSIFICA DI SERIE A

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2020-2021