La 14esima giornata di Serie A si è conclusa col big match dello stadio Maradona, in cui il Napoli di Luciano Spalletti è tornato a vincere nel 4-0 alla Lazio, prendendosi la vetta solitaria della classifica con 35 punti, a più tre sul Milan. Nel pomeriggio infatti i rossoneri di Pioli sono crollati in casa nell’1-3 col Sassuolo, mentre la Roma di Mourinho ha piegato 1-0 il Torino. Infine successo esterno del Bologna a La Spezia, mentre pari a reti inviolate tra Udinese e Genoa.

Napoli-Lazio 4-0

Dunque il Napoli ha allungato in vetta alla classifica sul Milan, dopo aver dominato e vinto nel posticipo per 3-0 contro la Lazio. Il tutto frutto di una partenza sprint e di un primo tempo davvero giocato bene. Bastano 10 minuti ai partenopei per mettere al tappeto i biancocelesti dell’ex Sarri, andando a segno due volte. Il vantaggio arriva al 7′: azione offensiva di Lozano che imbuca in area di rigore per Mertens, il belga al momento del tiro viene fermato da Acerbi ma il rimpallo favorisce Zielinski che arriva a rimorchio ed esplode un destro di prima intenzione che non lascia scampo a Reina. Altri tre giri di lancette ed è tempo di 2-0: lancio lungo per Insigne che appoggia al limite per Mertens, il belga supera agilmente Acerbi che scivola, poi finta per mandare al bar Patric e destro che si insacca alle spalle di Reina.

La Lazio prova a reagire e sfiora il gol due volte al 25′, prima con Luis Alberto che impegna Ospina in una spettacolare parata, poi con Acerbi che di testa colpisce l’incrocio dei pali. Ma i titoli di coda sul match li mette ancora Mertens al 29′ per il 3-0 azzurro: Lozano appoggia al limite dell’area di rigore per Mertens che calcia di prima intenzione con il destro, parabola incredibile disegnata dal belga che ‘muore’ sotto l’incrocio. Nel secondo tempo è solo amministrazione del risultato per il Napoli, con Spalletti che gestisce anche le forze nell’ottica dei prossimi impegni. Ma c’è tempo anche per il 4-0 al minuto 85, con uno splendido sinistro dalla distanza di Fabian Ruiz.

Roma-Torino 1-0

La Roma ha messo in fila due vittorie consecutive, bissando il successo sul Genoa con l’1-0 dell’Olimpico al Torino. Un match deciso nel primo tempo dal terzo gol in campionato di Abraham. Con questo successo la formazione giallorossa ha consolidato il quinto posto in classifica con 25 punti, restando a meno tre dall’Atalanta. Al termine della sfida contro i granata, rimasti invece fermi a quota 17, sono arrivate le parole di José Mourinho. “Mi aspettavamo di fare qualche gol in più perché col fisico di Zaniolo e Abraham e la connessione coi calciatori dietro si poteva fare. Mi piace tanto vincere così, lo dicevo prima ai calciatori: questa vittoria mi fa più piacere di un 5-0 perché è una vittoria di concentrazione, sacrificio, di gruppo. Cristante ha il Covid-19, Veretout squalificato e Pellegrini infortunato dopo un quarto d’ora: i tre centrocampisti titolari non hanno giocato. Diawara invece ha fatto bene, Mkhitaryan è stato tremendo, Carles Perez si è adattato in una posizione non sua. Sono contento, è una vittoria di tutto il gruppo”.

esultanza Tammy Abraham, Roma-Torino

Milan ko col Sassuolo, vince il Bologna

Brutta giornata per il Milan di Stefano Pioli, caduto per la seconda volta di fila nel pesante 1-3 casalingo rimediato col Sassuolo. Eppure la sfida del Meazza si era messa bene col vantaggio firmato da Romagnoli al 21′, ma gli emiliani hanno poi praticamente dominato, andando a segno con Scamacca al 24′ e l’autogol di Kjaer poco dopo. Nel secondo tempo il tris di Berardi e l’espulsione dello stesso Romagnoli, per fallo da ultimo uomo, hanno chiuso i giochi. Dopo il secondo ko consecutivo, il tecnico dei rossoneri ha commentato. “È vero che abbiamo subito troppo a livello mentale il loro pareggio e non deve succedere. Abbiamo un modo di stare in campo e lo dobbiamo mantenere anche nelle difficoltà. Dopo il vantaggio dovevamo gestire meglio i palloni, poi in svantaggio abbiamo perso lucidità. Sette gol subiti sono troppi: dobbiamo difendere meglio la squadra”.

Nelle altre due sfide giocate quest’oggi, pareggio a reti inviolate all’ora di pranzo tra Udinese e Genoa, mentre il Bologna si è imposto per 1-0 sul campo dello Spezia col rigore di Arnautovic al minuto 83. Con questo successo i felsinei hanno agganciato la parte sinistra della classifica a quota 21 punti. Ecco le parole di Sinisa Mihajlovic a fine match: “Sono contento, è vero che dal 2002 non avevamo così tanti punti dopo 14 giornate ma so che si poteva fare ancora meglio. Oggi era importante non subire gol e vincere ad ogni costo: non siamo stati spietati ma ci accontentiamo del gol su rigore. Credo siano tre punti meritati per le occasioni create. L’obiettivo nostro rimane non accontentarsi mai, a me bruciano ancora i punti persi con squadre che secondo me a fine anno saranno dietro”.

Ti può interessare

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2021/2022

LA CLASSIFICA DI SERIE A

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A