Uno dei tormentoni di mercato della scorsa estate è stato rappresentato sicuramente dal futuro di Mauro Icardi. Il centravanti argentino non rientrava nei piani dell’Inter, come dichiarato pubblicamente dall’amministratore delegato Giuseppe Marotta, e confermato dal tecnico Antonio Conte, e per questo è stato messo sul mercato. Dopo aver rifiutato diverse proposte, l’ex capitano ha deciso di accettare il trasferimento al Psg, in prestito con diritto di riscatto fissato a 70 milioni di euro. E con la maglia del club parigino il giocatore sembra essere tornato su grandi livelli tanto che si comincia a discutere già del suo possibile riscatto.

Icardi conquista il Psg

Mauro Icardi, PSG

Il rendimento di Mauro Icardi è stato sicuramente buono in questi primi mesi al Psg. Dopo un mese in cui ha dovuto recuperare la forma migliore, il centravanti argentino è diventato uno dei titolari dello scacchiere tattico del tecnico dei parigini, Tuchel. Inserimento favorito anche dai problemi fisici accusati in questa prima parte di stagione da Edinson Cavani. Da qualche settimana, però, il Matador è tornato in squadra ma solo sabato scorsa è stato favorito per una maglia da titolare a Maurito contro il Brest in trasferta. Sull’1-1 all’80’, però, l’allenatore ha richiamato in panchina l’uruguaiano per inserire l’ex capitano dell’Inter. E proprio lui ha deciso la gara con il gol vittoria messo a segno cinque minuti dopo il suo ingresso in campo. Ancora decisivo Icardi, così come lo era stato in Champions League qualche giorno prima. Ora il suo score comincia ad essere importante, con 5 reti segnate in sei partite di Ligue 1, mentre nella massima competizione europea sono 4 gol in quattro presenze. Numeri che sembra stiano convincendo il Psg, ora pronto ad esercitare il diritto di riscatto fissato a 70 milioni di euro. Cifra che permetterebbe all’Inter di realizzare una plusvalenza monstre avendo il giocatore a bilancio con un valore quasi a zero.

Brest-Psg 1-2

Le parole di Tuchel

Tuchel, allenatore PSG

Il tecnico del Psg, Tuchel, al termine della gara vinta contro il Brest si è così espresso sul momento di Mauro Icardi e del possibile duello per una maglia da titolare con Edinson Cavani:

“Icardi è un attaccante molto efficace, fa ciò che deve fare e al momento gli riesce tutto bene. Adesso per Cavani è dura: gli attaccanti affrontano sempre fasi particolari e in questo momento Edinson ne sta vivendo una difficile. Al contrario, quando si è in fiducia i risultati arrivano. La fortuna al momento sta girando dalla parte di Mauro. Cavani deve trovare confidenza nei suoi mezzi e combattere per una maglia”.

Le ultime notizie sul Psg