Napoli, buone notizie: Ospina dimesso dall’Ospedale, per lui una ‘crisi vagale’

    Dopo il grande spavento, il portiere del Napoli, David Ospina, è stato dimesso dalla Clinica Pineta Grande: è stato vittima di una crisi vagale

    39

    Arrivano ottime notizie in casa Napoli e per lo sport in generale. Il portiere David Ospina, vittima di un brutto scontro in avvio di Napoli-Udinese e poi uscito in barella a fine primo tempo, è stato dimesso dall’Ospedale. Ad annunciarlo è stato direttamente il club partenopeo tramite un comunicato diramato sul proprio sito ufficiale. Per il portiere colombiano dunque il peggio è passato, anche se adesso servirà un certo periodo di tempo per tornare alla normalità.

    Comunicato Napoli su Ospina

    Ecco quanto comunicato dal Napoli riguardo le condizioni di Ospina e le dimissioni dall’Ospedale: “David Ospina è stato dimesso questo pomeriggio dalla Clinica Pineta Grande dove era stato ricoverato ieri sera per una serie di accertamenti e visite specialistiche. Tutti gli esami risultano negativi. Le visite hanno escluso qualunque problema. La diagnosi è di crisi vagale risoltasi nel giro di poche ore. Al calciatore sono stati consigliati alcuni giorni di riposo e non risponderà alla convocazione della propria Nazionale”. 

    Che cos’è la crisi vagale?

    Andando a cercare sui vari siti specializzati di medicina, siamo andati a cercare che cosa sia nello specifico una “crisi vegale”. Ecco di seguito uno stralcio di quanto riportato a proposito, dal portale inran.it:

    “La sincope vagale è anche conosciuta come svenimento. Essa è una delle tipologie di sincopi neuromediate. Trattandosi di una sincope, si tratta di una perdita di coscienza temporanea a cui segue la perdita dello status eretto e una caduta. Il soggetto smarrisce in modo temporaneo lo stato di coscienza a causa della stimolazione del nervo vago. Quest’ultimo si dirama nel collo, nel torace, nell’intestino ed è caratterizzato successivamente da un recupero veloce, spontaneo e totale.

    La sincope vagale è la conseguenza della riduzione dell’afflusso di sangue al cervello data da paura, dolore o da situazioni di stress. Queste condizioni danno il via ad un processo in cui le conseguenze sono la dilatazione dei vasi del sangue e di conseguenza un abbassamento della pressione a livello delle arterie e bradicardia, cioè il calo di frequenza dei battiti cardiaci.

    La conseguenza di questa situazione è una gittata sanguigna ridotta e ipoperfusione celebrale, con un’evidente riduzione dell’ossigeno che va al cervello. Per questo si verifica lo svenimento”.

    Il messaggio della moglie di Ospina

    David Ospina è già tornato a casa, avvolto dall’affetto della sua famiglia. La moglie del portiere colombiano, Jessica Sterling, tramite Instagram ha aggiornato circa le condizioni del marito:

    “Voglio cogliere l’occasione per ringraziare innanzitutto Dio perché David sta bene. Ho vissuto momenti di grande angoscia e disperazione perché non ero in grado di fare molto per lui… Vi informo che David sta molto meglio, siamo già a casa, più tranquilli, aspettando che lo spavento passi totalmente. Vi ringrazio per le preghiere per lui e per tutti i bei messaggi che ci sono arrivati. Di nuovo grazie, vi terrò aggiornati”.

    LE ULTIME NOTIZIE SUL NAPOLI