Juventus-Milan, Allegri: “E’ una grande partita e sarà tosta. Ronaldo? Sta meglio e siamo fiduciosi”

    E' vigilia di campionato per la Juventus impegnata sabato pomeriggio nel big match dell'Allianz Stadium contro il Milan: le parole di Allegri

    31

    Nemmeno il tempo di ‘metabolizzare’ il successo contro il Cagliari e la Juventus e già pronta per tornare in campo e affrontare il Milan di Gennaro Gattuso nel secondo anticipo della 31esima giornata di Serie A. Una sfida importante per avvicinarsi ulteriomente alla conquista dello Scudetto, ma anche per tenere alta la guardia in vista degli impegni di Champions League ormai imminenti. Nella conferenza stampa della vigilia, il tecnico Massimiliano Allegri ha parlato di tanti temi, compreso quello inerente le condizioni fisiche di Cristiano Ronaldo.

    “Ronaldo sta meglio e a 5 giorni dalla partita ci sono buoni segnali, poi vedremo l’evolversi. Lui sta facendo tutto per esserci contro l’Ajax e speriamo sia a disposizione. Convocato per domani? No, assolutamente no”.

    Allegri sulle condizioni degli infortunati

    E Massimiliano Allegri, dopo aver dato indicazioni su Ronaldo, ha parlato della situazione degli altri infortunati: “Dybala, Mandzukic e Spinazzola sono a disposizione. Per Khedira va valutata la condizione fisica, normale sia indietro ma pensavo peggio. Ronaldo ve l’ho detto, Douglas Costa dovrebbe essere a disposizione per l’Ajax, Barzagli dovrebbe essere a disposizione in 8-10 giorni. Cuadrado a disposizione sabato a Ferrara, Caceres tre settimane out, Perin da valutare giorno dopo giorno”

    Vincere il mio quinto scudetto di fila? Quando lo vinceremo sarà una bellissima serata e verrà celebrata nel migliore dei modi e festeggiata. Vincere 8 scudetti di seguito non è facile, la Juve ha fatto numeri straordinari. Sono meriti della Juve, non demeriti delle altre, perché il Napoli viaggia a una media scudetto, la Juve oltre. Il Napoli merita complimenti, la Juve ancora di più, perché avere 81 punti a 8 giornate dalla fine non era semplice. E la Juventus viene da 8 anni, per ora 7, in cui vince lo scudetto. Questo vuol dire che c’è lavoro quotidiano e forza mentale impressionante.

    Allegri su formazione e ‘caso Bonucci’

    Allegri ha quindi dato qualche indicazione di formazione: “Chiellini probabilmente starà fuori, gli altri devo valutare. Da domani a mercoledì ci sono 4 giorni di recupero. Siamo in una buona condizione, ma nell’arco dei 90 minuti serviranno tutti, soprattutto le tre sostituzioni. Spinazzola titolare? Devo valutare. Comunque Alex Sandro sta bene, Spinazzola lo stesso. Sono contento per lui perché ha avuto una giornata di terrore e fortunatamente tutto si è risolto nel migliore dei modi. La squadra sta bene e siamo pronti per giocare al meglio questo finale di stagione”.

    Infine un cenno sul caso Bonucci e le sue dichiarazioni su Kean: “Bisogna distinguere bene le due cose. Uno è il razzismo, che va sempre perseguito, combattuto e non è mai giustificabile. Mai. La seconda è il comportamento dei giocatori in campo. Io dopo la partita quando ho detto del comportamento di Kean non era per giustificare il razzismo, ma perché in casa con l’Udinese sul 4-0 su una palla alta fece un colpo di tacco irrisorio che mi fece arrabbiare perché è mancanza di rispetto. Le due cose sono distinte e l’ho già spiegato, poi ripeto il razzismo non è giustificabile, va combattuto e gli imbecilli devono stare fuori dallo stadio.

    Per quanto riguarda Leo Bonucci, dopo la partita si è espresso male in trance agonistica e si è subito scusato e ha chiarito ieri. Sono due cose ben distinte. Il comportamento in campo di ogni singolo giocatore, che sia di Kean, di Rugani, di tutti, in campo serve sempre un comportamento corretto e rispettoso verso tutti. Discorso diverso è il razzismo che, ripeto, non è mai giustificabile e va combattuto”.

    LE ULTIME NOTIZIE SULLA JUVENTUS