Nella tarda serata di ieri si era diffusa la notizia di una possibile busta inviata al tecnico dell’Inter, Antonio Conte, contenente minacce e non solo. Secondo alcuni organi di stampa, infatti, era presente anche un proiettile. Una situazione delicata, che avrebbe comportato anche ad un livello di vigilanza sotto la casa dell’allenatore nerazzurro. Nelle ultime ore, però, stanno emergendo particolari che modificherebbe in parte la versione iniziale. La lettera, infatti, non sarebbe stata spedita al mister, bensì sarebbe arrivata direttamente in sede alla società, che ha subito denunciato il fatto.

Psg pronto a riscattare Icardi dall’Inter

Minacce a Conte, la versione dell’Inter

In queste ore si sta parlando molto della lettera di minacce arrivate nei confronti del tecnico dell’Inter, Antonio Conte. Inizialmente si pensava fosse arrivata direttamente all’allenatore nerazzurro. Il club meneghino, però, ha voluto fare chiarezza, smentendo la versione iniziale. Sembra sia stata smentita anche l’ipotesi di un coinvolgimento della criminalità organizzata o delle frange più estreme del tifo organizzato. Questo quanto fa sapere la società nerazzurra:

“In relazione alle notizie pubblicate oggi, FC Internazionale Milano precisa che Antonio Conte non ha ricevuto personalmente alcuna lettera minatoria e, di conseguenza, non si è recato in prima persona a sporgere denuncia. È stato il club a ricevere una lettera e, come da prassi in questo genere di situazioni, ha provveduto a rivolgersi alle autorità competenti”.

La precisazione della moglie

In merito a quanto successo nei confronti del tecnico dell’Inter, Antonio Conte, è intervenuta anche la moglie, Elisabetta Muscarello. E’ stata lei in prima persona a smentire la presenza di un proiettile all’interno della busta di minacce. Questo il post pubblicato:

“Per la cronaca: la storia del proiettile è una bufala! E comunque in Italia siamo messi proprio male come comunicazione… per la serie: mi alzo, invento e scrivo! Senza pensare MAI alla conseguenze!!”.

Intanto l’Inter riprenderà a lavorare settimana prossima. In quell’occasione dovrebbero tornare a lavorare in gruppo sia Stefano Sensi che Alessandro Bastoni, che in questi giorni hanno svolto un lavoro personalizzato.

Le ultime notizie sull’Inter