Grande entusiasmo in casa Fiorentina per l’arrivo di Franck Ribery. Il fuoriclasse francese è stato ufficializzato nella giornata di ieri, dopo il classico iter di visite mediche. Il giocatore è arrivato a parametro zero, essendo andato in scadenza di contratto con il Bayern Monaco. Con il suo arrivo la piazza viola sogna in grande e spera di mettere definitivamente da parte la scorsa annata, in cui si è sfiorata la retrocessione. Il nuovo patron, Rocco Commisso, dunque, dimostra di puntare in alto e, oltre al suo arrivo, ha ribadito l’incedibilità di Federico Chiesa, che continua a piacere alla Juventus.

Fiorentina, Ribery si presenta

Franck Ribery ha sostenuto la prima conferenza stampa, quella di presentazione, da nuovo giocatore della Fiorentina. Questi tutti i temi trattati dal francese:

Il motivo della scelta: “Voglio ringraziare i miei agenti e la dirigenza. Abbiamo parlato tanto e abbiamo trovato un accordo che mi ha reso felice. Sono molto felice di essere qui. Ho visto nella dirigenza tanta motivazione e fiducia nei miei confronti. Anche mia moglie è stata determinante per questa scelta perché la famiglia è fondamentale per me”.

Continuare a mettersi in gioco: “Il calcio è la mia vita. E’ la ragione per cui sono voluto rimanere in Europa. Sono fortunato a trovare la Fiorentina e la fiducia. Spero di poter giocare fino a 40 anni come Totti”.

L’infortunio subito a gennaio: “L’allenatore ha fatto scelte diverse ma io sono sempre stato importante per il gruppo e per la squadra e ho sempre aiutato rispondendo presente”.

Cosa può dare alla Fiorentina: “Sono molto motivato e ho sempre fame di giocare. Ho firmato un contratto di due anni per essere decisivo in campo ed aiutare i giovani a crescere. Vorrei anche portare qualcosa di nuovo alla società che ha tante ambizioni e vorremmo arrivare nei top 5 o nei top 3 della classifica di quest’anno”.

Sulla Serie A: “E’ un grande torneo con grandi calciatori. L’Inter ha fatto un bel mercato come la Juventus. Qui la gente ama e vive per il calcio. E’ una bellissima esperienza e io voglio divertirmi in campo. Ci sono squadre che ogni anno lottano per vincere la Champions”.

Chiesa e il gruppo

Ribery ha toccato anche il tema Chiesa, probabilmente il giocatore di maggior talento all’interno della rosa della Fiorentina:

“Quando ho parlato con Daniele e Joe, ho sentito che è un buon giocatore, forte e veloce oltre che capace nei dribbling. Mi piace giocare con i giovani e se posso aiutarli. Ho sempre avuto questa mentalità. Chiesa si può aiutare, posso parlare con lui in tutte le occasioni. Lui può diventare un grande calciatore nel futuro”.

Biglietto della lotteria: “Beckenbauer ha avuto ragione, dopo tre mesi ha capito che aveva acquistato un biglietto vincente. Penso di essere il biglietto vincente della lotteria per la Fiorentina perché non mi hanno pagato niente (ride)”.

Non pronto contro il Napoli: “Non sono pronto e sono contento perché mi sono allenato oggi con la squadra. Ho fatto tanti allenamenti da solo ma quando sei con la squadra, e fai la preparazione è un’altra cosa. Adesso sono contento, sono con la testa concentrato sulla partita e sulla squadra. Ho bisogno forse di una settimana o due per giocare. Se il mister mi dice che ha bisogno io vado, perché sono così. Ma non sono pronto anche se risponderei presente”.

Le ultime notizie sulla Fiorentina