De Ligt alla Juventus: il colpo più importante dell’estate 2019 è già assegnato

La Juventus ha messo a segno un vero e proprio colpo di mercato acquistando Matthijs de Ligt dal'Ajax per ben 70 milioni di euro

74

Un colpo da sogno. Di quelli che i tifosi vorrebbero svegliarsi e trovarsi stampato nel titolo della prima pagina del giornale preferito o adesso, al tempo dei social, trovarsi nelle news sportive sul proprio smartphone o tablet. E così, dopo giorni e giorni di trattative, l’arrivo di Matthijs de Ligt alla Juventus è cosa fatta. Il miglior prospetto difensivo di Europa e del Mondo, classe 1999 ma già capitano dell’Ajax e leader indiscusso con Van Dijk della difesa dell’Olanda, è pronto per iniziare la sua nuova avventura nel campionato di Serie A.

De Ligt, il miglior colpo dell’estate 2019

L’offerta che ha fatto ‘cedere’ definitivamente l’Ajax è stata di 70 milioni di euro di parte fissa, come riportato nelle scorse ore dal ‘De Telegraaf‘. E’ questa la proposta che ha messo d’accordo il club campione d’Italia e quello olandese per il trasferimento a Torino del difensore classe ’99. Le due società, con la mediazione dell’agente del giocatore, Mino Raiola, hanno definito l’accordo tanto che De Ligt non partirà coi lancieri per l’Austria, dove quest’ultimi svolgeranno una parte della preparazione estiva. Possiamo già dunque definire quello di De Ligt il vero colpo di mercato dell’estate 2019.

La concorrenza non mancava di certo, con tutte le big europee che si sono avvicinate a più riprese a Raiola, dal Bayern Monaco al PSG, passando per le due squadre di Manchester, e all’immancabile Barcellona. Ma alla fine chi ha chiuso la trattativa è stata la Juventus, scelta da De Ligt come squadra e società ideale per continuare il proprio percorso di crescita. E con giocatori e compagni forti come Leonardo Bonucci e Giorgio Chiellini, sia in termini di qualità tecniche che di leadership, la strada del miglioramento è già tracciata. Senza dimenticare Maurizio Sarri, sempre ‘maniacale’ nel curare il sistema difensivo, come dimostrato a Napoli dove ha ‘trasformato’ un certo Kalidou Koulibaly in uno dei centrali difensivi tra i più forti e stimati al mondo.

E se c’era un giocatore che la Juventus doveva acquistare per rafforzare la propria rosa, questo era proprio De Ligt. Il ‘giovane vecchio‘ messo lì al centro della difesa, il 19enne che gioca già con l’esperienza di un veterano. Che lo fa non solo difendendo la propria porta, ma anche portando palla in avanti, impostando l’azione e diventando spesso letale nel gioco aereo sui calci piazzati offensivi. Insomma un acquisto di grande spessore, a conferma delle intenzioni sempre ‘bellicose’ della Juventus.

Le parole di Torricelli su De Ligt

E chi se ne intende di difensori forti, è sicuramente Moreno Torricelli. L’ex giocatore bianconero e della Nazionale italiana, ha commentato l’arrivo di De Ligt alla Juventus, ai microfoni di Radio Bianconera, nel corso di ‘Terzo Tempo’. In particolare ha affrontato il tema di come potrebbe schierarsi il reparto difensivo bianconero, avendo tantissime alternative a disposizione e di grande valore.

“La difesa sarà presumibilmente a quattro, non vedo grandissime differenze. Questa difesa ormai da anni ci sta facendo fare la differenza e credo che continuerà su questo iter. L’arrivo di De Ligt? Secondo me è un acquisto fondamentale non tanto per il presente ma per il futuro. È un giocatore molto forte, già maturo per la sua età, a soli 19 anni ne ho visti pochi di giocatori con questa personalità. Credo che quest’anno sarà lui l’acquisto più importante, giocatori così ne nascono pochi e bisogna portarselo a casa.

Con questo acquisto la Juve si garantirebbe la colonna portante della difesa del futuro. In una gestione della stagione ogni giocatore deve essere pronto a giocare le gare in cui viene chiamato in causa. Bonucci, Chiellini e De Ligt saranno i tre titolarissimi, a turno qualcuno dovrà riposare, ma ci saranno partite per tutti. Senza dimenticare Rugani, che quando è stato chiamato in causa ha sempre fatto bene”.

LE ULTIME NOTIZIE SULLA JUVENTUS