Colpaccio Bologna all’Olimpico: i felsinei mettono ko 3-2 il Torino

    Gol e spettacolo anche nell'ultimo anticipo della 28esima giornata di Serie A: il Bologna dell'ex Mihajlovic batte 3-2 il Torino

    61

    Il Torino non approfitta del ko della Roma e perde a sua volta per 3-2 all’Olimpico contro il Bologna di Mihajlovic. I granata erano passati in vantaggio con autogol dello stesso Pulgar sul destro di Ansaldi, poi la rimonta felsinea con i gol di Poli, Pulgar su calcio di rigore e Orsolili. Inutile la rete nel finale di Izzo. Con questo successo i rossoblu salgono a quota 24 punti, scavalcando l’Empoli al terz’ultimo posto.

    LA CRONACA DELLA PARTITA – Il quarto e ultimo anticipo della 28esima giornata di Serie A si gioca allo stadio Olimpico fra il Torino di Walter Mazzarri e il Bologna di Sinisa Mihajlovic. Il Torino non vuol fermarsi e va a caccia della quarta vittoria di fila, dopo aver messo ko Atalanta, Chievo e Frosinone. Un successo permetterebbe ai granata di agguantare la Roma al quinto posto. Dal canto suo il Bologna ha bisogno di fare punti per mettere ulteriore pressione alle squadre concorrenti per la salvezza, anche approfittando dello scontro diretto tra Empoli e Frosinone cha va in scena domenica pomeriggio.

    Sul fronte formazioni ufficiali, Walter Mazzarri si schiera con il 3-5-1-1. Davanti a Sirigu spazio per Izzo, Nkoulou e Djidji. A centrocampo sulle fasce ci sono Ola Aina e Ansaldi, con Baselli, Rincon e Meité in mezzo, mentre davanti Zaza a sostegno di Belotti. Dall’altra parte Sinisa Mihajlovic manda in campo i suoi col modulo 4-3-3. In porta c’è sempre Skorupski, davanti a lui Mbaye, Danilo, Lyanco e Dijks. In mezzo al campo Pulgar regista con Dzemaili e Soriano mezz’ali, mentre in avanti Orsolini, Palacio e Sansone nel tridente.

    Primo tempo, Bologna in rimonta

    Il primo tempo inizia con ritmi altissimi e tanti episodi. Il primo arriva al 3’ quando viene annullato un gol a Palacio per un fuorigioco di Lyanco ad ostacolare Sirigu. Il Torino reagisce e al 5’ Belotti si divora la rete: Meité recupera un pallone e calcia dal limite, Skorupski devia sulla destra ma il numero 9 a porta vuota mette clamorosamente alto. Un minuto dopo però, Torino in vantaggio: calcio d’angolo da destra battuto all’indietro, dal limite dell’area arriva il destro di Ansaldi, deviazione determinante di Pulgar che spiazza Skorupski. Il Bologna porta tanti uomini in avanti e all’8’ Sirigu salva tutto sul sinistro a botta sicura di Orsolini, dopo l’intervento di Nkoulou su Soriano. Negli ospiti da registrare anch l’infortunio di Dzemaili, al suo posto entra Poli al 23’.

    Il match resta piacevole, il Bologna è in partita e a cavallo della mezz’ora ribalta il punteggio. La rete dell’1-1 arriva al 29’: lancio di Pulgar sulla destra, Orsolini affonda sulla corsia e appoggia a Palacio, sul cross dell’argentino una deviazione prolunga il pallone sul secondo palo, Poli anticipa Ansaldi e mette dentro. Al 34’ c’è la rete dell’1-2: corner di Orsolini al centro, Meité colpisce col braccio e Mariani, dopo aver visionato le immagini col VAR, assegna il rigore. Dal dischetto Pulgar spiazza Sirigu con l’interno destro e fa 2-1. Il primo tempo si chiude sul 2-1 per gli ospiti.

    Secondo tempo, tris di Orsolini

    Il secondo tempo si apre senza cambi ma con un Torino ad attaccare a testa bassa. I granata, con Iago Falque dentro per Baselli, sfiorano il pari al 56’ con un destro dal limite di Rincon che Skorupski respinge come può. Il Bologna è comunque pericoloso in contropiede e con Sansone, dopo una gran giocata di Palacio, segna il 3-1 ma l’ex Villarreal viene pizzicato dal VAR in offside. Ma il Torino sbanda in difesa con una squadra iper offensiva e al 65’ arriva il 3-1 del Bologna: contropiede rapidissimo con Soriano che soffia la palla a Rincon, Palacio recupera e innesca sulla destra Orsolini che davanti a Sirigu non sbaglia. La faccia di Mazzarri in panchina la dice lunga, ‘aggrappato’ alla sua panchina dopo la terza rete subita.

    Il Torino comunque ci prova con grande orgoglio, sfiorando la rete al 70’: lancio in profondità di Ansaldi per Belotti, controllo fantastico del nove e tocco di esterno sull’uscita di Skorupski, col polacco che riesce a deviare fuori. Al 72’ Mazzarri cambia ancora, esce Djidji e al suo posto entra Berenguer. Il modulo del Torino a quel punto è un 4-2-4 senza un domani. I granata ci provano e allora Mihajlovic opta per un cambio conservativo, inserendo Svanberg per Sansone. I padroni di casa si rendono pericolosi all’84’ con una girata di Zaza che termina alta, mentre nel Bologna entra anche Mattiello per Orsolini.

    Finale intensissimo

    La sfida si riaccende all’improvviso nei minuti finali. Il Bologna resta in dieci per il doppio giallo a Lyanco all’88’ e sulla punizione successiva, Izzo colpisce di testa debolmente ma Skorupski compie la ‘frittata’ non bloccando la sfera e palla in rete. Sono sei i minuti di recupero e Iago Falque con un sinistro da fuori impegna Skorupski. Tensione alle stelle e a farne le spese è anche Ola Aina, ammonito e poi espulso direttamente per le successive proteste. Si finisce dieci contro dieci. Non succede altro, il Bologna piazza un colpaccio inaspettato.

    Info Serie A 2018-2019

    LA CLASSIFICA DI SERIE A 2018-2019

    PROSSIMO TURNO SERIE A

    CLASSIFICA MARCATORI SERIE A