La Sampdoria, grazie a un gol di Caprari in pieno recupero, batte 1-0 la SPAL e abbandona l’ultimo posto in classifica, ora occupato proprio dagli spallini assieme al Brescia. Un vittoria sofferta e arrivata al 91′, con la mossa finale di Ranieri a risultare decisiva. Sampdoria adesso a 8 punti in classifica, con i blucerchiati che raggiungono il Genoa.

LA CRONACA DELLA PARTITA – Il Monday Night dell’undicesima giornata di Serie A mette di fronte, allo stadio Paolo Mazza di Ferrara, la Spal di Leonardo Semplici e la Sampdoria guidata da Claudio Ranieri. La Spal arriva a questa sfida dalla sconfitta per 1-0 subita giovedì scorso in quel di San Siro, restando dunque ferma a quota 7 punti e al penultimo posto assieme al Brescia. Dunque i ferraresi vanno a caccia di riscatto e di un risultato positivo. Ma dall’altra parte c’è una Sampdoria che, allo stesso modo, deve darsi una ‘mossa’. I blucerchiati sono all’ultimo posto con 5 punti e non possono davvero più dare spazio a passi falsi. Nel turno scorso il pareggio in extremis per 1-1 in casa col Lecce al 91′, che ha evitato l’ennesima sconfitta.


Primo tempo, 0-0 al Mazza


Leonardo Semplici, allenatore Spal

Il primo tempo del Mazza inizia su ritmi bassi anche se è la Spal a fare la partita. La prima chance da rete è dei padroni di casa e arriva al 18’: cross di Reca dalla sinistra e pallone che arriva sulla destra tra i piedi di Strefezza, la cui botta dal limite dell’area di rigore s’infrange sull’esterno della rete. La Sampdoria fatica parecchio nel giro palla e la Spal al 24’ si rende ancora minacciosa: affonda ancora Reca e spara un sinistro che Audero respinge, poi Depaoli anticipa il polacco e mette in corner.

Dopo il 25’ anche gli ospiti cercano di fare qualcosa in più in attacco, specie con Bonazzoli che al 33’ si mette in proprio: scintilla accesa all’improvviso da Bonazzoli, che controlla e calcia con potenza da oltre trenta metri, la sfera assume una strana traiettoria e termina fuori di un soffio. Il match resta in equilibrio e Gabbiadini al 45’ su punizione dal limite sfiora la traversa con un mancino potente ma impreciso di poco.


Secondo tempo, decide Caprari


Claudio Ranieri, allenatore Sampdoria

Il secondo tempo si apre senza cambi e con una Spal davvero pericolosa al 52’: ripartenza sulla desta, cross basso e teso di Strefezza in area di rigore sul secondo palo per Moncini, ma in spaccata Depaoli riesce a deviare in maniera provvidenziale la traiettoria del pallone. La Sampdoria comincia però a chiudersi in difesa e allora Semplici manda in campo prima Floccari per Moncini poi Missiroli per Valoti, provando ad aumentare la qualità offensiva.

Al 70’ Ranieri opera il primo cambio, fuori Gabbiadini e dentro Gaston Ramirez. Ma non solo perché al 75’ entra in campo Augello per Jankto. E al 76’ Samp pericolosa: indecisione difensiva della SPAL e pallone che arriva sui piedi di Bonazzoli in area di rigore, l’attaccante blucerchiato atterrato da Berisha in area, chiede il penalty. L’arbitro lascia proseguire e il match si avvia verso il pareggio. Al 90’ Ranieri manda in campo Caprari per Bonazzoli e il cambio è decisivo. Perché al 92’ il numero 17 manda in vantaggio la Sampdoria: Depaoli fugge via sulla destra a Igor e mette un gran pallone in area di rigore, Ramirez fa la sponda di testa e Caprari, anche lui di testa, è bravo a trafiggere Berisha.


Info Serie A 2019-2020

LA CLASSIFICA DI SERIE A 2019-2020

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2019-2020