Finisce con un pareggio la prima di Stefano Pioli alla guida del Milan, nel 2-2 finale contro il Lecce. I rossoneri, due volte in vantaggio con i gol di Calhanoglu e Piatek, si sono fatti raggiungere due volte dal Lecce: prima Babacar, poi Calderoni al 92′ per i giallorossi. Il Milan sale a quota 10 in classifica, punto prezioso per il Lecce adesso a 7.

LA CRONACA DELLA PARTITA – Il primo posticipo della giornata numero otto di Serie A vede giocare, allo stadio Giuseppe Meazza, il Milan del neo tecnico Stefano Pioli e il Lecce di Fabio Liverani. Il Milan vuole ripartire forte e con l’avvento di Stefano Pioli in panchina, subentrato durante la sosta all’esonerato Marco Giampaolo. Questo nonostante la vittoria per 2-1 del Ferraris contro il Genoa, che però non è bastata a salvare la panchina al tecnico ex Sampdoria. Dall’altra parte al Meazza arriva un Lecce con 6 punti in classifica, reduce dalla sconfitta esterna subita a Bergamo contro l’Atalanta. I salentini comunque provano sempre a giocare un calcio brillante e propositivo, esponendosi però ad alcuni rischi in difesa.

Sul fronte formazioni ufficiali, Stefano Pioli manda in campo il suo primo Milan col 4-3-3. Davanti a Donnarumma spazio per Conti, Musacchio, Romagnoli e Theo Hernandez in difesa. A centrocampo Kessie, Biglia e Paquetà con Suso, Leao e Calhanoglu nel tridente offensivo. Risponde Fabio Liverani con il consueto 4-3-1-2. In porta l’ex di turno Gabriel protetto da Meccariello, Rossettini, Lucioni e Calderoni. A metà campo Majer, Tachtsidis e Tabanelli con Mancosu trequartista alle spalle di Falco e Babacar.


Primo tempo, Milan avanti 1-0


gol Calhanoglu, Milan-Lecce

Il match inizia subito con una grande chance per il Milan: Leao entra in area in percussione e prova il diagonale, Gabriel respinge e sul pallone arriva Paquetà, ma il tocco del brasiliano esce di poco. La partenza dei rossoneri è sprint e al 3’ ancora Leao si rende pericoloso con un tiro che finisce sull’esterno della rete. La pressione dei padroni di casa è forte e all’11’ Çalhanoğlu lascia scorrere un filtrante di Suso e calcia in porta, con diagonale che esce di poco. Liverani, sul fronte Lecce, è una furia perché i suoi soffrono terribilmente senza mai avere la sfera nei piedi.

E la naturale conseguenza arriva al 20’, col Milan in vantaggio: lancio lungo di Biglia in profondità, Calhanoglu si inserisce tra i due centrali e controlla col destro, poi fa partire una gran conclusione con lo stesso piede superando Gabriel. Sino alla mezz’ora è un dominio della squadra di Pioli ancora pericolosa al 29’ con Suso: il numero 8 si accentra dalla destra e calcia, Gabriel si distende e devia in corner. Solo nel finale i salentini si affacciano dalle parti di Donnarumma, ma un sinistro al volo di Falco termina alto.


Secondo tempo, finisce 2-2


gol Babacar, Milan-Lecce

Il secondo tempo si apre con un cambio nel Lecce, dentro Farias per Falco. Il Milan gioca su ritmi più bassi e allora gli ospiti iniziano a giocare con più convinzione, sfruttando anche la freschezza del neo entrato. E al 59’ arriva l’episodio giusto per trovare il pareggio: Farias dalla destra mette al centro con l’esterno, Babacar non tocca e Conti tocca col braccio. L’abitro Pasqua viene richiamato al VAR ed assegna l’inevitabile calcio di rigore: dal dischetto Babacar apre il piatto destro e si fa ipnotizzare da Donnarumma, ma sul tap-in l’ex Sassuolo ribadisce in rete.

A quel punto Pioli opera un doppio cambio, inserendo Piatek per Leao e Krunic per Paquetà. Il più pericoloso dei rossoneri resta comunque Calhanoglu, col turco che ci prova al 72’ con un destro dal limite che termina a lato. Pioli si gioca il tutto per tutto inserendo Rebic per Kessié. E al minuto 81’ il Milan torna in vantaggio: giocata fantastica di Calhanoglu che scambia al limite con Krunic, il turco si porta avanti la sfera col tacco e mette poi un pallone all’indietro per Piatek che d’interno destro torna a gonfiare la rete. Il Lecce non molla e al 92′ arriva il 2-2: pallone orizzontale di Petriccione per Calderoni, il terzino sinistro controlla e con un sinistro potentissimo batte inesorabilmente Donnarumma sul palo lontano. Non c’è più tempo per altro, è 2-2 al Meazza.


Info Serie A 2019-2020

LA CLASSIFICA DI SERIE A 2019-2020

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2019-2020