Torino e Napoli non vanno oltre lo 0-0, nel primo posticipo della settima giornata di Serie A, e si dividono la posta in palio. Un punto che probabilmente fa più felice i granata che gli azzurri, con quest’ultimi apparsi ancora appannati come nelle ultime uscite. La squadra di Ancelotti adesso è quarta con 13 punti, Torino di Mazzarri che sale invece a 10 col primo pareggio stagionale.

LA CRONACA DELLA PARTITA – Il primo posticipo della settima giornata di Serie A mette di fronte, allo stadio Olimpico Grande-Torino, il Torino di Walter Mazzarri e il Napoli di Carlo Ancelotti. Il Torino è reduce dalla terza sconfitta stagionale, quella subita per 3-2 lunedì scorso allo stadio Tardini contro il Parma. Un match in cui i granata hanno commesso troppi errori, finendo per essere puniti all’88’ dalla rete di Inglese. Dall’altra parte c’è un Napoli che sta accusando un momento di flessione fisica, come dimostrato anche in Champions League col pareggio a reti inviolate col Genk. In campionato invece le difficoltà prima col Cagliari e poi col Brescia.

Sul fronte formazioni ufficiali, Walter Mazzarri schiera il suo Torino col 3-5-2. Davanti a Sirigu spazio per Lyanco, Nkoulou e Izzo, con Ansaldi, Baselli, Rincon, Lukic e Laxalt. In avanti ci sono Belotti e Verdi. Risponde Carlo Ancelotti risponde col modulo 4-3-3 con Meret tra i pali, Di Lorenzo, Manolas, Luperto e Hysaj in difesa. A metà campo largo a Fabian Ruiz, Zielinski e Allan, mentre in avanti ci sono Mertens, Insigne e Lozano.


Primo tempo, 0-0 all’Olimpico


Lozano, Napoli

Il match inizia su buoni ritmi e con Fabian Ruiz pericoloso al 10’, con un destro dal limite che Sirigu disinnesca in corner tuffandosi sulla propria sinistra. Il Torino reagisce e al 16’ sfiora il gol: Zielinski scivola e Rincon recupera palla sulla trequarti. Appoggio per Verdi a rimorchio, il cui mancino si spegne sull’esterno della rete. Match in equilibrio e anche molto fisico, che Mertens rischia di sbloccare al 28’ con una prodezza: conclusione a giro del belga dall’interno dell’area su assist di Lozano sfiorando l’eurogol, con la sfera che termina fuori di un soffio.

Al 34’ Ancelotti è costretto ad operare il primo cambio, con Hysaj che cade male sul collo e accusando anche problemi allo sterno, al suo posto dentro Ghoulam. Il finale di tempo si gioca con meno intensità, anche se al 47’ Meret salva il Napoli: angolo respinto dalla difesa, da fuori Ansaldi colpisce col destro schiacciando a terra la sfera, ma il portiere azzurro è reattivo e respinge.


Secondo tempo, pari e patta


Walter Mazzarri, allenatore Torino

Il secondo tempo si apre con un’altra chance per il Torino: Ansaldi raccoglie il pallone sulla fascia destra, rientra sul mancino e va al traversone profondo: Rincon sovrasta Di Lorenzo e incorna, ma Meret in due tempi la tiene lì. Il Napoli non riesce però più a manovrare, così Ancelotti al 61’ manda in campo Callejon per un Lozano impalpabile. Ma non solo, perché al 67’ scocca anche l’ora di Llorente per Insigne. E l’ex Tottenham ha subito una buonissima occasione: Di Lorenzo riceve sulla destra e mette un pallone morbido sulla testa di Llorente, il colpo di testa dello spagnolo termina di poco alto sopra la traversa.

Cambia anche Mazzarri con Meité al posto di Baselli e granata che sembrano più reattivi. Si entra nell’ultimo quarto d’ora sul punteggio fermo di 0-0. Nel finale di match il Napoli prova ad attaccare, ma senza riuscire a rendersi pericoloso. Entrano anche Ola Aina e Iago Falque nei padroni di casa, proprio quest’ultimo all’89’ ci prova dal limite senza però impensierire Meret più di tanto. Finisce senza reti all’Olimpico.


Info Serie A 2019-2020

LA CLASSIFICA DI SERIE A 2019-2020

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2019-2020